in

Formula 1, Red Bull: “Alonso pensi a guidare e parli meno”

Fernando Alonso, a detta del portavoce della Red Bull, non si lascia distrarre dai giornali o da internet e si concentra soltanto sulla Formula 1 e sul suo team, Alonso, invece, si concentrerebbe troppo sull’esterno e poco sulla sua monoposto.

red bullHelmut avrebbe concluso affermando che alla Ferrari manca una gestione vecchio stile, come quella di Enzo Ferrari, che non sarebbe di certo stato soddisfatto dalla sconfitta di Alonso e avrebbe riconosciuto le qualità di Vettel, facendo lavorare di più il suo team e lo stesso Alonso.

Non poteva arrivare non arrivare veloce come la sua monoposto la replica del ferrarista: Alonso si dice lusingato dalle parole di Helmut Marko, perchè facendo tali affermazioni non ha fatto altro che ammettere di temerlo ancor prima che comincino i test per il nuovo anno.

Ma la Red Bull non sbaglia a temere la Ferrari e il suo campione, dato che la McLaren avrà sicuramente grandi difficoltà a causa della perdita di Lewis Hamilton, mentre il cavallino sta portando a termine il suo progetto sulla nuova monoposto di Alonso, che sarà sicuramente più competitivo dello scorso anno.

Insomma, i motori delle critiche e dei commenti sarcastici non si spengono mai, soprattutto intorno a campioni come Vettel o Alonso. Sicuramente i due piloti hanno personalità molto differenti e Alonso ci ha già da tempo abituato alla sua indole forte e polemica, al contrario del più tranquillo ma ugualmente determinato Vettel.

Se queste critiche serviranno a dare ancora più adrenalina ai due campioni non possiamo che esserne felici e prepararci ad assistere a d un campionato senz’altro emozionante.

Written by Mattia Preziuso

Nato ad Avellino, 21 anni, appassionato di sport, prevalentemente calcio. Studente di Farmacia presso l'Università degli Studi di Fisciano e già collaboratore di altri siti. Segue con particolare attenzione notizie utili e sport.

Lite Motor C1, il prototipo a due ruote auto equilibrato

Killer Crow è il nuovo film di Quentin Tarantino, l’uscita nel 2014