di Stephanie Barone in ,

Foto bambini sui social: e se i figli potessero denunciare i genitori?


 

E se i bambini di oggi, una volta divenuti maggiorenni, potessero denunciare i loro genitori che li hanno sovraesposti sul web da piccoli? Ecco la proposta di legge francese sulle foto dei bambini sui social network.

foto bambini sui social, foto bambini su facebook, foto bambini su internet,

La questione “foto bambini sui social” è sempre più imperante: fino a che punto è lecito che ogni momento di vita dei più piccoli venga esposto sui social network? Lo scatto del primo bagnetto, del momento della pappa, del gioco, perfino della nanna diventa un’occasione per i genitori di postare una nuova foto su Facebook, Instagram, o qualsiasi altro social network. Eppure quali garanzie si hanno, anche se i profili sono chiusi o privati, che quelle foto realmente restino limitate ad un gruppo ristretto di persone? Praticamente nessuna. A ricordarlo qualche tempo fa era stata la stessa Polizia Postale di fronte al viralizzarsi della catena “Mamme Orgogliose”. Cosa accadrebbe però se, una volta diventati maggiorenni, quegli stessi figli iperesposti sui social network durante la loro infanzia potessero denunciare i loro genitori?

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

A mettere la pulce nell’orecchio è stata una proposta di legge francese che amplierebbe una norma già esistente, ovvero che è possibile denunciare chiunque posti sul web la foto di un minore scattata in un luogo privato senza consenso. La proposta di legge prevederebbe multe fino a 45 mila euro per gli stessi genitori che, noncuranti della privacy dei propri figli, hanno continuato a pubblicare le foto della loro infanzia. Una volta divenuti adulti i figli però potrebbero scegliere di “farla pagare” – nel senso letterale del termine – ai propri genitori.

Un’esagerazione? Forse, ma la mania con la quale un crescente numero della nuova generazione di genitori espone i propri figli sul web dovrebbe far riflettere. Uno studio inglese del 2015 ha evidenziato che ogni anno un bambino appare in media in 195 foto postate sul web. Prima che compia 5 anni quello stesso bambino è protagonista almeno di 973 scatti che lo ritraggono in qualsiasi momento della sua vita. Eppure, senza arrivare al pericolo – reale – delle foto di bambini postate dagli stessi parenti e amici che rimpolpano i siti di pedopornograzia, quale valore diamo alla sua immagine, alla sua identità e alla sua riservatezza?

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook

Parliamo di...