in

Francesco Bocciardo, intervista esclusiva all’Oro di nuoto delle Paralimpiadi di Rio 2016: ‘Inseguite sempre i vostri sogni’

E’ tornato da qualche giorno nella sua Genova dopo le trionfali Paralimpiadi di Rio 2016 che gli hanno regalato una grande gioia. Francesco Bocciardo si è andato a prendere la medaglia d’Oro nella finale dei 400 metri stile libero categoria S6, dominando la gara e concludendo con un vantaggio di 5,67 secondi sul secondo classificato, l’olandese Thijs van Hofweegen. Con grande disponibilità e umiltà ci ha concesso un’intervista esclusiva che siamo ben lieti di diffondere.

Una medaglia d’oro meritata e stravinta. Come ti senti dopo questo grande traguardo?

Questa è una domanda che mi fanno in molti, ora come ora, mi sento la solita persona di sempre, però forse ciò è dovuto al fatto che non ho ancora realizzato del tutto quello che ho combinato a Rio.

Una gara chiusa al primo posto e che si può tranquillamente definire perfetta.

Non la definirei una gara perfetta, piuttosto una gara di strategia, nella quale ho fatto leva su tutti i miei aspetti più forti sul 400, cercando di far strappare gli avversari (costringere gli avversari a mantenere un ritmo che non avrebbero potuto tenere, ndr).

Bocciardo Paralimpiadi Rio 2016

Cos’è che ti spinge ad affrontare sfide così importanti nonostante tutto?

La prima cosa a cui penso è la soddisfazione nel fare una cosa che mi piace e mi gratifica. Tutto questo unito al desiderio di andare sempre oltre i miei limiti.

Qual è il segreto del tuo successo?

Non esistono segreti. Dietro al mio successo c’è semplicemente tanto duro lavoro e tanta costanza.

A soli 22 anni, cosa ti aspetti dal futuro?

La mia prossima sfida saranno di sicuro i Mondiali in Messico, ma ora come ora preferisco fare piani solamente a breve termine.

Quali sono i tuoi obiettivi adesso?

I miei obiettivi adesso sono quello di laurearmi e di iniziare subito a lavorare.

Pensi di regalarci qualche altra gioia in futuro?

Spero proprio di si, di sicuro non sarà facile perché gli avversari non mancano, ma io non mi arrendo e continuo dare tutto per questo sport.

Bocciardo Paralimpiadi Rio 2016

Hai reso orgoglioso un Paese intero. E’ forse questa la vittoria più grande di tutte?

Sì, di sicuro. I miei successi e le mie vittorie non sarebbero così tanto belle se non riuscissi a trasmettere la gioia a chi mi guarda e tifa per me.

Qual è il consiglio che ti senti di dare ai giovani che ti prendono come un esempio?

Inseguite sempre i vostri sogni, per quanto possano sembrare difficili ed irrealizzabili. E soprattutto non permettete mai a nessuno di demotivarvi.

A nome di tutta l’Italia, voglio dirti grazie per le emozioni che ci hai regalato.

Sono io che devo ringraziare tutte le persone che mi hanno seguito e sostenuto, perché senza di loro non sarei riuscito ad ottenere questo fantastico risultato.

RIMANI AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS DI SPORT CON URBANPOST

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

zara lavora con noi settembre 2016

Zara lavora con noi 2016: occasioni per commessi e responsabili a Verona, Trieste e Grosseto

ruotolo ergastolo

Omicidio Pordenone, Rosaria Patrone rivela la verità: ecco il perché delle sue bugie a Giosuè