in

Francia 13enne stuprata e uccisa: killer fornisce particolari sconvolgenti su morte Angélique

Orrore in Francia per lo sconvolgente omicidio di una bambina di 13 anni, l’assassino ha confessato l’orrendo crimine di cui si è macchiato. La vittima, Angelique Six, era scomparsa da casa sua a Wambrechies, vicino a Lille. L’uomo, David R.di 45 anni, ha ammesso le sue responsabilità rivelando particolari a dir poco sconvolgenti. La sua confessione ai magistrati ha sconvolto l’opinione pubblica francese e non solo. Il killer reo confesso è un uomo che in passato era stato già processato e condannato per violenze sessuali su minori, ma poi, scontata la sua pena, era cambiato e si era addirittura creato una famiglia tutta sua. Evidentemente il suo istinto assassino esisteva ancora: il 54enne ha infatti ammesso di aver ceduto di nuovo a impulsi che lo tormentavano da quando era già stato condannato anni fa.

13enne stuprata e uccisa in francia

Avrebbe dunque deliberatamente deciso di uccidere la ragazzina, strangolandola con i suoi pantaloni, addirittura affermando di “aver faticato non poco per ucciderla”. Sconvolge questo orrido particolare che prova quanto la vittima abbia disperatamente cercato di opporre resistenza al suo aguzzino. Il detenuto sarà presto risentito dai magistrati, che devono ricostruire le esatte circostanze nelle quali l’uomo abbia convinto Angelique, sua vicina di casa che si fidava di lui, ad entrare nel suo appartamento, che sarebbe stato secondo la ricostruzione il teatro di questo atroce delitto.

Potrebbe interessarti anche: Ragazzo di Udine scomparso, news Michael Craighero: il giallo dello zainetto e l’atroce dubbio

Il cadavere della piccola è stato trovato in una foresta. L’omicida è stato subito individuato grazie all’archivio del Dna legato ai sospetti di gravi reati sessuali, istituito nel 2004. Le condanne per l’uomo risalivano agli anni Novanta, quando era stato condannato a 9 anni di carcere per abusi su minori. Tratto in arresto ieri, il killer ha detto che “stava male”  perché la sua famiglia si era allontanata da lui per una vacanza. Aveva in quel frangente fatto abuso di viagra e birre. Poi aveva incrociato la ragazzina e l’aveva portata a casa sua con lo scopo di violentarla e ucciderla. Il corpo della piccola è stato trovato ricoperto di rami nella foresta di Quesnoy-sur-Deûle.

ROMA UOMO MORTO IN VANO SCALE PALAZZINA

Roma: trovato cadavere nel vano scale di una palazzina a Tor Bella Monaca

Grande Fratello Barbara d’Urso arrabbiata con i ragazzi: “Esigo che questo clima vergognoso di odio sparisca”