in

Frosinone cadavere fatto a pezzi: era chiuso in due buste in località Ambrifi

Orrore nel frusinate dove oggi, venerdì 23 marzo, i carabinieri hanno trovato un cadavere smembrato. Secondo le prime indiscrezioni emerse, i resti umani erano chiusi in due buste in località Ambrifi, al confine tra la provincia di Latina e la Ciociaria. Il corpo apparterrebbe a un pastore di 58 anni, Armando Capirchio, scomparso a ottobre da Vallecorsa, in provincia di Frosinone. Per il delitto lo scorso 12 dicembre i militari avevano arrestato Michele Cialei, un allevatore di 52 anni originario dello stesso paese, accusato di omicidio premeditato e occultamento di cadavere. Secondo gli investigatori, tra l’allevatore e la vittima c’erano dissapori legati al pascolo.

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Alessandro Neri news: spunta l’ombra di una donna

Oggi la macabra scoperta: i carabinieri aiutati dagli speleologi del Soccorso Alpino hanno ritrovato i resti dell’allevatore ucciso e fatto a pezzi. Secondo ciò che l’inchiesta degli inquirenti ha messo in luce, tra l’allevatore e la vittima c’erano stati degli attriti legati alla gestione delle terre in cui portavano il bestiame a pascolo. L’arresto dell’allevatore 52enne era scattato su ordinanza firmata dal Gip di Frosinone, dopo settimane di indagini svolte in collaborazione con i Ris di Roma, che avevano esaminato tracce di sangue della vittima, scomparsa, lungo un sentiero di montagna sulle pietre e su un paio di guanti trovati nella stessa area durante i numerosi sopralluoghi.

Quarto Grado facebook

Anticipazioni Quarto Grado 23 marzo 2018: la morte di Imma Villani e i troppi femminicidi

Grande Fratello facebook

Grande Fratello 15 quando inizia, concorrenti, cast: tutte le novità sulla nuova edizione