in ,

Gabriele Del Grande News: come sta il giornalista italiano arrestato in Turchia

Gabriele Del Grande è al suo dodicesimo giorno di prigionia in Turchia. Il giornalista e blogger italiano è stato arrestato lo scorso 9 aprile al confine con la Siria, reo di non avere le autorizzazioni per i media. Dopo giorni di silenzio, il caso è venuto a galla con l’annuncio dello sciopero della fame da parte di Del Grande, giornalista toscano. Gabriele ha annunciato martedì di non mangiar nulla fin quando non sarà liberato. E come lui tanti altri amici e compagni, come annunciato sulla pagina Facebook di Io sto con la Sposa, seguono il gesto di protesta. Angelino Alfano, ministro degli Esteri, è in costante aggiornamento con il consolato italiano in Turchia. Anche il padre di Gabriele Del Grande, Massimo, resta in attesa ed è in continuo contatto con la Farnesina.

Chi è Gabriele Del Grande

Ma come sta Gabriele Del Grande, il giornalista italiano arrestato in Turchia? A dare nuove notizie sulle sue condizioni di salute è il legale turco del blogger che lo ha incontrato nella giornata odierna: “Da 9 giorni, quando è stato trasferito a Mugla, Gabriele viene tenuto in isolamento.”. Dunque, è questo il primo aggiornamento su Gabriele Del Grande: il giornalista è in isolamento. Come riportato dal legale turco, confermato lo sciopero della fame da parte dell’autore di Io Sto con la Sposa.

Le ultime notizie su Gabriele Del Grande 

“Adesso vuole essere liberato e mandato in Italia.” commenta il legale di Gabriel Del Grande che aggiunge come la detenzione del giornalista italiano sia del tutto illegale. “Non ci è stata data alcuna informazione su eventuali capi di imputazione nei confronti di Gabriele. La sua detenzione è del tutto illegale. Non c’è nessun impedimento giuridico al rimpatrio, è un provvedimento punitivo.” Il legale turco che segue il caso Del Grande ha riferito all’ambasciata italiana che, per il momento, non si hanno notizie su una possibile espulsione: “Ci è stato negato l’accesso al dossier.”

Attentato in Francia, nell’auto di Karim Cheurfi c’era il Corano, Le Pen: “Combattiamo il totalitarismo”

Migranti naufragio barcone

Migranti in Italia, Beppe Grillo: “Ruolo oscuro delle ONG private”