in ,

Giacomo Poretti programma Tv: l’annuncio di Giacomino gela i fan del Trio

Giacomo Poretti, il “33 per cento del trio Aldo, Giovanni e Giacomo “, come lui stesso ama definirsi, dopo trent’anni abbandona i suoi compagni di scena e debutta come conduttore di un programma televisivo su Tv2000 (la rete della Conferenza Episcopale Italiana) intitolato “Scarp’ de tenis – Incontri sulla strada” che darà voce ai senza tetto di Milano. «Porterò gli spettatori nelle mense dei poveri, nei dormitori, nei supermercati della solidarietà per vedere come vivono i più bisognosi, ma anche quante persone, e sono tante, sono disposte ad aiutarli», spiega il comico in un’intervista esclusiva pubblicata dal settimanale Spy in edicola da venerdì 14 settembre.ALDO GIOVANNI E GIACOMO SEPARAZIONE

«Saranno storie ad alto tasso di sensibilità: racconti forti che ti colpiscono e ti danno uno schiaffo forte. Soprattutto che ti costringono a guardare i cosiddetti “invisibili”, che sono tali solo perché tutti quanti, me compreso, siamo vittime del pregiudizio. Viene facile dire: “Non hanno volontà”, “Sono senza palle”, “Si sono buttati via”. Invece, guardando da vicino si scopre che sono persone magari fragili, ma che a causa delle avversità della vita si sono trovate costrette a schiantarsi».aldo giovanni e giacomo facebook

E alla domanda se davvero, come dicono i rumors, il trio si stia separando a causa dei litigi tra i tre amici risponde: «Siamo in un periodo in cui la verità è fluida, viene scritta qualsiasi cosa. La realtà è che tra poche settimane, dopo il film che Aldo farà in solitaria, ci incontreremo per metterci al lavoro e cominciare a pensare a un nuovo progetto che andrà in scena l’anno prossimo. Dunque nessun litigio. Certo un po’ di stanchezza fisiologica c’è. Dopo trent’anni ci si stanca della propria moglie, figuriamoci di altro. L’importante è che tutto torni come prima».

bimbo di 12 anni ucciso dal padre

Lavoro scuola, stop riapertura Gae: cosa succede? La rabbia dei sindacati

Matteo Salvini Time copertina: “Il nuovo volto dell’Europa, lo zar dell’immigrazione”