di Sabina Schiavon in ,

Giornata della Terra 2017, dalla NASA l’atlante notturno del nostro pianeta: tutte le iniziative per il 22 aprile


 

Giornata della Terra 2017, la NASA pubblica la mappa notturna del nostro pianeta: ecco tutte le iniziative in occasione dell’Earth Day del 22 aprile

giornata della terra 2017 NASA

“La Terra è blu.[…] Che meraviglia. E’ incredibile!”; con queste parole Juri Gagarin – il primo uomo ad essere andato nello Spazio – descrisse al mondo la Terra vista dal cosmo. Ricordiamo queste parole a pochi giorni dalla Giornata della Terra 2017 che, festeggiata dalle Nazioni Unite il 22 aprile di ogni anno, è dedicata alla salvaguardia dell’ambiente e del pianeta. E’ proprio alla vigilia di questa ricorrenza che la NASA ha pubblicato il nuovo atlante mondiale della Terra di notte. Le iniziative per la Giornata della Terra non finiscono però qui: ecco tutte quelle da non perdere.

==> ASTEROIDE 19 APRILE: COME SEGUIRE LA DIRETTA DEL PASSAGGIO

La Terra vista di notte: ecco come sta cambiando il nostro pianeta

Spettacolare, suggestivo, da lasciare senza fiato ma non solo… La mappa completa della Terra vista di notte rappresenta anche un importante strumento di studio per i ricercatori. Pubblicato per la prima volta nel 2012 sempre dalla NASA, la mappa notturna del nostro pianeta è risultata più volte necessaria per capire la distribuzione dell’uomo sulla Terra. L’atlante serve altresì a monitorare la quantità di energia utilizzata così come le attività economiche. A cinque anni dalla prima, la NASA ha pubblicato quindi un nuovo atlante – questa volta interattivo – al fine di conoscere i cambiamenti in atto sul nostro pianeta.

La creazione della mappa è stata resa possibile grazie al Visible Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS), strumento utilizzato dal satellite Suomi NPP per depurare le immagini. “Grazie al VIIRS adesso siamo in grado di osservare fluttuazioni di luce sulla Terra causate da conflitti, tempeste, terremoti e blackout. Possiamo monitorare attività umane ricorrenti come le festività più importanti, migrazioni stagionali e mutamenti economici con urbanizzazioni e de-urbanizzazioni” ha spiegato Miguel Roman del Goddard Space Flight Center di Greenbelt , nel Maryland.

terra nasa

Credits: NASA Earth Observatory images by Joshua Stevens, using Suomi NPP VIIRS data from Miguel Román, NASA’s Goddard Space Flight Center

Giornata della Terra 2017: adotta una parte del nostro pianeta

Non sono però solo gli scienziati a partecipare concretamente alla Giornata della Terra 2017. La NASA, infatti, permette quest’anno alla popolazione mondiale di partecipare attivamente – anche se solo in modo simbolico – alla salvaguardia del nostro pianeta. In particolare, l’Agenzia Spaziale Americana ha messo a punto una piattaforma web dal titolo “Adopt The Planet”. Come intuibile dal nome, ognuno di noi avrà la possibilità di “adottare” una parte della Terra, assegnata random dalla NASA tra i 64mila luoghi disponibili. Basterà quindi inserire il proprio nome per vedersi arrivare le coordinate della porzione di pianeta adottata nonchè un certificato simbolico che potrà anche essere condiviso sui social.

Earth Day 2017: l’importanza di salvaguardare il pianeta

La Giornata della Terra vede i suoi albori nel 1969 quando l’attivista John McConnell, durante una conferenza Unesco, propose l’istituzione di una giornata per onorare il nostro pianeta e l’ambiente che ci circonda. L’idea venne approvata in via definitiva il 22 aprile 1970 e da quel momento, di anno in anno, l’Earth Day è diventato sempre di più un’occasione per sensibilizzare gli abitanti di tutto il globo alla salvaguardia dell’ambiente che ci circonda. Le principali tematiche trattate sono l’inquinamento, lo sfruttamento intensivo delle risorse ma anche la via verso un’energia pulita e l’abbandono delle risorse fossili o le soluzioni per il riciclo dei materiali.

Credits: NASA Earth Observatory images by Joshua Stevens, using Suomi NPP VIIRS data from Miguel Román, NASA’s Goddard Space Flight Center

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook