di Sabina Schiavon in ,

Giornata Mondiale dell’Acqua 2017: la startup WaterView e la tecnologia che misura “le gocce d’acqua”


 

Giornata Mondiale dell’Acqua: la startup italiana WaterView punta a rivoluzionare il settore della misurazione delle precipitazioni atmosferiche

giornata mondiale dell'acqua water view

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua 2017 abbiamo deciso di raccontarvi una storia di business che parte proprio dall’acqua, elemento imprescindibile per la vita. Quest’oggi – mentre in rete impazza l’hashtag #WorldWaterDay – noi vi parliamo di WaterView, una startup innovativa italiana specializzata in sistemi intelligenti per il monitoraggio di fenomeni atmosferici e parametri ambientali.

==> INDUSTRIA 4.0 IN ITALIA: GOOGLE E UNIONCAMERE INSIEME PER “ECCELLENZE IN DIGITALE”

Istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, si festeggia oggi la Giornata Mondiale dell’Acqua 2017: la redazione UrbanPost Business ha quindi deciso di cogliere l’occasione per parlarvi di WaterView. Si tratta di una startup innovativa italiana che sviluppa servizi per la raccolta e l’analisi di Big Data in ambito meteorologico: fondata nel 2015 da Paola Allamano, Paolo Cavagnero e Alberto Croci, la giovane impresa è attualmente inserita in I3P ovvero l’incubatore del Politecnico di Torino. Ma qual è la proposta di WaterView? Senza mezzi termini possiamo dire che la startup propone un vero e proprio metodo rivoluzionario per misurare l’intensità della precipitazione atmosferica a partire dalle caratteristiche strisce luminose lasciate dalle gocce d’acqua in una fotografia o in un filmato effettuati in condizioni di pioggia. Le immagini utilizzate dalla tecnologia di WaterView possono provenire sia da macchine fotografiche digitali tradizionali sia da videocamere di rete così come da webcam: in futuro, invece, sarà possibile utilizzare anche quelle scattate con lo smartphone.

==> OREEGANO: UNA PIATTAFORMA TUTTA ITALIANA DEDICATA AL “MANGIAR SANO”

Ma quali sono e saranno gli impieghi effettivi delle tecnologie proposte da WaterView? La startup individua principalmente tre campi di applicazione:

  • AGRICOLTURA per programmare i cicli di irrigazione e la pianificazione di trattamenti fitosanitari in base alla quantità di acqua piovuta in uno specifico lasso di tempo;
  • TRASPORTI per la sicurezza su strade ad alto scorrimento e autostrade, in particolare per i sistemi di segnalazione agli utenti (radio, tabelloni stradali) su visibilità e condizioni del manto stradale e per la gestione logistica delle squadre di intervento;
  • SPORT per supportare le società fornitrici di previsioni meteorologiche ai circuiti di F1 e Moto GP e per consentire valutazioni accurate dei terreni di gara per altri sport (es. ciclismo, calcio, ecc.).

WaterView: prototipo Web Dashboard

Il team di WaterView punta quindi a rivoluzionare un mercato basato attualmente solo sui pluviometri, strumenti tradizionali e affidabili ma dall’altissimo costo di installazione. Nonostante esistano altri strumenti smart per la misurazione delle precipitazioni, il team di WaterView precisa che “Nessuno di loro, tuttavia, ricorre a tecniche analoghe a IR2 o comunque all’interpretazione di immagini, avendo sviluppato metodi che si basano su interferenze di segnali radio o sulla risposta acustica generata dalle gocce. In base alla nostra conoscenza, quindi, la misura della pioggia da immagini, protetta da un brevetto in fase di estensione internazionale, è tutt’ora offerta unicamente da WaterView.”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook