di Sabina Schiavon in , , ,

Giornate FAI Primavera 2017 a Milano, Roma e Napoli: 1000 luoghi da (ri)scoprire lungo tutta la Penisola


 

Sono in arrivo le Giornate FAI di Primavera 2017: in occasione dei 25 anni, il Fondo Ambiente Italiano aprirà gratuitamente al pubblico ben 1000 luoghi della cultura e della storia della nostra Penisola

Manca pochissimo alle Giornate FAI di Primavera 2017, il tradizionale appuntamento voluto dal Fondo Ambiente Italiano al fine di permettere al pubblico di ammirare alcuni dei luoghi della cultura e della storia tra i più significativi del nostro Paese. In particolare, quest’anno il FAI celebrerà i 25 dell’iniziativa: è proprio per questo motivo che saranno ben 1000 i luoghi eccezionalmente aperti lungo tutta la Penisola.

Ma quali saranno gli appuntamenti da non perdere in occasione delle Giornate FAI di Primavera 2017 a Roma, Milano e Napoli? Vi suggeriamo alcune delle aperture in queste tre principali città italiane: in fondo all’articolo, invece, potrete trovare il link per conoscere l’elenco completo dei luoghi aperti. Oltre ad alcuni beni visitabili esclusivamente dagli iscritti al FAI – Fondo Ambiente Italiano, a Milano aprirà al pubblico l’Accademia di Belle Arti di Brera, l’Archivio Storico dell’Ospedale Maggiore, la Fondazione Gianfranco Ferrè ma anche il Palazzo della Banca d’Italia e il Palazzo Mezzanotte.

Grandi aperture in occasione delle Giornate FAI di Primavera 2017 anche a Roma e Napoli. In Capitale, in particolare, il FAI-Fondo Ambiente Italiano aprirà le porte della Domus Aurea, del Complesso di Trinità dei Monti o dell’Auditorium di Mecenate. A Napoli, infine, sarà possibile accedere all’Archivio Storico Enel, al Complesso di Sant’Andrea delle Dame ma anche al Conservatorio e alla Chiesa del Complesso di San Pietro Maiella. Per info, orari e programma completo vi lasciamo al sito ufficiale dell’iniziativa che, ricordiamo, si terrà il 25 e 26 marzo 2017.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...