di Antonio Paviglianiti in ,

Golden State Warriors contro Donald Trump: i campioni NBA non andranno alla Casa Bianca


 

Golden State Warriors contro Donald Trump: i campioni NBA non renderanno visita alla Casa Bianca

I Golden State Warriors contro Donald Trump: la squadra campione NBA non renderà visita al Tycoon.  Secondo il network NBC, che ne ha parlato nei suoi notiziari e sul proprio sito, i giocatori e lo staff tecnico della squadra laureatasi la notte scorsa campione della Nba per il 2017 avrebbero deciso di rifiutare l’invito del Presidente americano per la tradizionale visita alla Casa Bianca delle squadre che vincono i vari campionati negli States.

>>> Rivivi le emozioni di Warriors vs Cavs <<<

La decisione dei Golden State Warriors sarebbe stata presa all’unanimità nello spogliatoio e sarebbe un chiaro segnale di critica per le politiche ritenute discriminatorie messe in atto dal successore di Barack Obama, dal quale, va ricordato, i Golden State Warriors si recarono dopo aver vinto il titolo nel 2015. L’allenatore dei Warriors Steve Kerr ha espresso più volte il proprio disaccordo verso le decisioni di Trump, e in particolare il bando ai musulmani.

>>> Donald Trump Covfefe: la gaffe diventa una proposta di legge 

Del resto, il padre di Steve Kerr, Malcom Kerr, è stato ucciso quando il figlio era al primo anno dell’Università dell’Arizona e aveva solo 18 anni. Kerr padre da circa un anno e mezzo lavorava a Beirut come presidente dell’Università americana quando fu ucciso, il 18 gennaio 1984, in un misterioso attentato rivendicato comunque dagli jihadisti.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanCalcio

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...