in ,

Gorino e Goro, il caso migranti fa esultare la Lega: “Eroi nazionali” mentre il Prefetto: “Vergogna”

Alla fine l’hanno vinta gli abitanti di Gorino e Goro, due piccoli centri della provincia di Ferrara, in Emilia Romagna, sul Delta del Po. Chi non voleva ospitare i migranti può esultare: nella giornata di oggi, infatti, sono stati respinti 20 profughi, di cui 12 donne (una incinta, ndr.) e 8 bambini. Una protesta inaspettata e senza precedenti: niente lasciava presagire a una simile reazione anche perché nei comuni di Fiscaglia, Ferrara e Comacchio non si sono registrati problemi per l’ospitalità ai profughi. I 20 migranti dovevano essere ospitati da un ostello a Gorino individuato dal Prefetto di Ferrara. Nella notte, però, i blocchi stradali eretti nel primo pomeriggio di ieri all’entrata di Gorino e Goro, hanno fatto cambiare i piani di prefettura ed esponenti politici costringendo i 20 profughi a trovare ospitalità presso altri centri del ferrarese. Il caso Gorino, però, non è passato inosservato con le reazioni dal mondo della politica.

>>> COMMENTA LA NOTIZIA CON URBANPOST<<<

GORINO, LA PROTESTA CONTRO I MIGRANTI. IL PREFETTO: “VERGOGNA”

Il Prefetto di Ferrara, Michele Tortora, dopo una nottata convulsa, ha solo parole amare: “Il mio primo pensiero va a quelle donne, di cui non oso pensare cosa hanno provato, attraversando il Mediterraneo, andando in pullman fino a Bologna e poi a Gorino e trovandosi infine davanti a quelle barricate.” Ironia tagliente, poi, da parte di Michele Tortora nei confronti degli albergatori che: “Ci hanno detto di non avere posto. Con queste orde di turisti in riviera a novembre, del resto…” Per Michele Tortora, Prefetto di Ferrara, il sentimento è quello della vergogna: “Mi vergogno molto di quello che è successo a Ferrara, credo si debbano vergognare quelle persone che hanno impedito la sistemazione di donne e bambini. ll sistema dell’accoglienza diventa sempre più stressante – sottolinea il Prefetto – ma le procedure sono state corrette. L’ostello abbiamo ritenuto che non fosse particolarmente frequentato d’inverno, ricevendone dunque un danno economico contenuto.”

GORINO, LA PROTESTA CONTRO I MIGRANTI. ALFANO: “NON È L’ITALIA”

Il Ministro degli Interni, Angelino Alfano, ha tuonato contro gli abitanti di Gorino e Goro: “Non è lo specchio dell’Italia.” “Di fronte a 12 donne, delle quali una incinta, organizzare blocchi stradali non fa onore al nostro paese – ha dichiarato il Ministro degli Interni –  poi certo tutto può essere gestito meglio, possiamo trovare tutte le scuse che vogliamo, ma quella non è Italia” Protesta organizzata? Per Angelino Alfano ha poca importanza: “Non mi interessa se la protesta sia stata organizzata o meno io sto a quello che vedo ed è qualcosa che amareggia.”

>>> LE ULTIME DAL MONDO DELLA POLITICA E DELLA CRONACA<<<

GORINO, LA REAZIONE DI TIZIANO TAGLIANI

Tiziano Tagliani, presidente della Provincia di Ferrara, ha così commentato: “Mi vergogno. Se in un momento come questo un Comune come quello di Goro, che ha ricevuto molto dalle istituzioni, non accoglie dodici donne straniere bisogna che si rifletta sul significato di collaborazione istituzionale. Si tratta di una protesta inspiegabile ed esagerata, fomentata dalla politica.”

GORINO, ESULTA LA LEGA: “EROI NAZIONALI”

In Consiglio Comunale di Ferrara, invece, festa grande per la Lega Nord manifestata dalle parole del consigliere Alan Fabbri: “Grazie a chi ha manifestato la scorsa notte e a chi ha lottato per far vincere la democrazia e il buon senso. I cittadini di Gorino sono per noi i nuovi eroi della Resistenza contro la dittatura dell’accoglienza. Abbiamo sostenuto, e continueremo a farlo, in ogni sede e in ogni modo, la loro protesta.” Il capogruppo della Lega Nord ha poi rincarato la dose: “Chi ha passato la notte in trincea per difendere il proprio territorio e la democrazia dai nuovi despoti è un eroe. La forza del popolo ha consentito di vincere la follia di prefetture che requisiscono locali per darli agli immigrati e di dare una lezione di stile a Tiziano Tagliani che, da presidente della Provincia, si comporta in modo complice: evidentemente pensa di assolvere al proprio dovere di promuovere il territorio del Delta del Po piazzando immigrati clandestini in ogni dove.”

 

FONTE FOTO (FACEBOOK ALAN FABBRI)

Arrow 5×04 anticipazioni: Oliver aiuta Diggle, il team protegge Star City

Attacchi di panico da relax come evitarli

Attacchi di panico da relax: ecco quali sono le situazioni a rischio e come prevenirle