in

Governo 2018, Beppe Grillo si fida di Salvini e consacra Di Maio: “Uno statista”

C’è stato un tempo in cui Beppe Grillo prometteva di non far stringere accordi al Movimento 5 Stelle con personaggi come Matteo Salvini, Renzi e Berlusconi. Adesso, però, il garante del partito pentastellato è consapevole che per arrivare a Palazzo Chigi bisogna stringere una serie di accordi. Ed è per questo che, nella giornata di ieri, a specifica domanda da parte della Rai non ha esitato a rispondere fuori dall’Hotel Forum di Roma. “Salvini è uno che quando dice una cosa poi la mantiene e questa è una cosa rara”. Una battuta che, però, non apre a un accordo con il leader della Lega: “Un Governo con lui? Non lo so…”

Leggi anche: Tutte le news sul Governo 2018

Governo 2018, Grillo esulta per Roberto Fico

Beppe Grillo, inoltre, ha tessuto le lodi di Roberto Fico, eletto presidente della Camera e di Luigi Di Maio. “Fico è una persona straordinaria, lo sapete. Lo conosciamo tutti”, dice il comico. E ora, dopo lui alla guida della Camera, Di Maio al governo? “Ma certo”, risponde il garante del Movimento 5 Stelle che poi si divincola dalla ressa di telecamere precisando che “io non porto niente”.

Leggi anche: Matteo Salvini intervistato da Il Messaggero

Governo 2018, per Grillo Di Maio è un vero statista

Tutto il resto, nomi, formule, alleanze in vista di un Governo 2018 per Beppe Grillo sono soltanto: “Illazioni che fate voi. Qui dobbiamo cambiare il Paese, e lo stiamo cambiando”. Di Maio? “Ma lasciatelo lavorare bene, in pace, tranquillo”. Perché, fatte salve le prerogative del Colle, “certo che decide Di Maio. Scherzate? È uno statista”, certifica il cofondatore del Movimento 5 Stelle.

Governo 2018, Matteo Salvini a Il Messaggero: “Il premier è del centrodestra, al Governo anche con M5s ma non chiudiamo al PD”

Governo 2018, Berlusconi al Corriere della Sera: “Salvini e Di Maio insieme? Un ircocervo, ecco perché sarebbe follia”