in

Governo 2018, Di Maio cita De Gasperi e fa sue le parole del CEI: “Noi al servizio della gente”

In attesa del 23 marzo, prima tappa cruciale per la formazione del Governo 2018, il leader M5S Luigi Di Maio lancia un nuovo appello per la formazione del governo e cita le parole di ieri del presidente della Cei, cardinale Angelo Bassetti. “Faremo tutto il possibile per rispettare il mandato che ci hanno affidato. Mi auguro che tutte le forze politiche abbiano coscienza delle aspettative degli italiani: abbiamo bisogno di un governo al servizio della gente”, scrive Di Maio dal blog, sottolineando: “Non abbiamo a cuore le poltrone ma che venga fatto ciò che i cittadini attendono da 30 anni”.

Leggi anche: Tutte le news con UrbanPost

Governo 2018, Di Maio: “Terza Repubblica, la Repubblica dei cittadini”

“In tutta la campagna elettorale e subito dopo il voto ho detto che noi siamo disponibili al confronto con tutti per far nascere il primo governo della Terza Repubblica, la Repubblica dei cittadini. Questa occasione non può essere persa. I cittadini ci guardano e pretendono il massimo dalle persone che hanno eletto in Parlamento”. “Anche la settimana prossima sarà molto importante per il destino del nostro Paese. La partecipazione non si esaurisce con il voto. Continuate a informarvi e ad appassionarvi”, sottolinea il capo politico del M5S, Luigi Di Maio.

Governo 2018, Di Maio cita De Gasperi

“Abbiamo messo al primo posto la qualità della vita dei cittadini che vuol dire eliminazione della povertà (con la misura del Reddito di Cittadinanza che è presente in tutta Europa tranne che in Italia e in Grecia), una manovra fiscale shock per creare lavoro, perché le tasse alle imprese sono le più alte del Continente, e finalmente un welfare alle famiglie ricalcando il modello applicato dalla Francia, che non a caso è la nazione europea dove si fanno più figli, per far ripartire la crescita demografica del nostro Paese. La nostra attenzione sarà massima anche su altri fronti come quello della lotta alla corruzione, dell’eliminazione della burocrazia inutile con 400 leggi da abolire, del rispetto dell’ambiente”, scrive ancora Di Maio. che poi cita De Gasperi: “‘Politica vuol dire realizzare’ diceva Alcide De Gasperi, ed è a questo che tutte le forze politiche sono state chiamate dai cittadini con il voto del 4 marzo. Più precisamente a realizzare quello che anche nella dottrina sociale della Chiesa viene chiamato ‘bene comune’, che è ciò che noi in tutta la campagna elettorale abbiamo indicato come ‘interesse dei cittadini'”.

Sabrina Misseri a Storie Maledette: la sua verità su Sarah Scazzi e Ivano Russo

Governo 2018, Salvini rifiuta l’invito di Fabio Fazio e rilancia: “Camera e Senato a chi ha vinto le elezioni”