in

Governo 2018, Forza Italia si spacca per “colpa” di Salvini? Brunetta annuncia: “Non sarò capogruppo”

Il primo passo per l’avvio del Governo 2018, ovvero le nomine del Presidente della Camera e del Presidente del Senato, porta con sé strascichi importanti. La strategia portata avanti sulle presidenze delle Camere sta scuotendo Forza Italia. In un documento che, riferiscono alcune fonti parlamentari, ha raccolto la firma di una parte dei deputati ‘azzurri’, si chiede il rinnovo dei vertici. Mentre, al Senato, Paolo Romani – candidato alla Presidenza ma non voluto dal Movimento 5 Stelle – ha spiegato apertamente ai cronisti di non aver condiviso la scelta operata su Palazzo Madama: “Sono preoccupato – ha spiegato – per quello che ci aspetta”. Nel pomeriggio di ieri, infine, l’annuncio di Brunetta.

Leggi anche: Chi è il primo Presidente del Senato donna scelto dal centrodestra

Governo 2018, Brunetta di Forza Italia annuncia: “Non sarò capogruppo”

Il prossimo Governo 2018 non vedrà Renato Brunetta in qualità di capogruppo di Forza Italia. Lo ha annunciato lo stesso politico di centrodestra con un messaggio su Twitter: “Vorrei tranquillizzare i tanti o pochi malpancisti del mio gruppo, che puntano a prendere il mio posto di presidente FI Camera: non ho alcuna intenzione di fare per altri 5 anni un mestiere così difficile, logorante e, per certi versi, pericoloso”. 

Governo 2018, Forza Italia si spacca per timore di Salvini?

Il timore in Forza Italia è che sia partita l’operazione di Salvini sul partito. Ovvero che il segretario del Carroccio possa ora portare avanti l’operazione del partito unico, orientando tutte le decisioni della coalizione del centrodestra. “Siamo usciti da questa situazione con le ossa rotte”, confida un ‘big’ di Forza Italia, stando a quanto riportato nell’edizione odierna de La Repubblica. Intanto, Silvio Berlusconi  sottolinea: “Guardiamo agli interessi del Paese”. Salvini da tempo ripete di non voler portare avanti un’azione di ‘shopping’ parlamentare ma la consapevolezza di deputati e senatori azzurri è che nelle trattative possa essere lui ora il punto di riferimento.

Consultazioni Governo 2018

Governo 2018 date consultazioni e possibile calendario: l’iter per la formazione di un nuovo esecutivo

Governo 2018, la posizione del Partito Democratico in attesa di un nuovo segretario: i commenti di Martina e Renzi