in

Governo 2018, la coalizione di centrodestra unita? Berlusconi è ancora il leader

Le consultazioni al Quirinale di ieri, giovedì 12 aprile 2018, hanno fatto emergere un dato di fatto per la formazione del Governo 2018: la coalizione di centrodestra dipende ancora da Silvio Berlusconi. Questo porta a uno stallo perché il Movimento 5 Stelle pone come unico veto la presenza del Cavaliere. Però, Berlusconi a livello comunicativo sembra essere ancora il leader: mentre parla Salvini al Quirinale lui conta i punti programmatici, diventa protagonista attaccandosi al microfono per aprire e chiudere il discorso della coalizione di centrodestra, rompe gli schemi e sorprende gli stessi leader di Lega e Fratelli di Italia.

Leggi anche: Tutte le news con UrbanPost

Governo 2018, Berlusconi anchorman da reality show

Ieri sera abbiamo assistito a un Berlusconi anchorman, degno di un reality di prima sera, che sul finire del programma, ruba la scena al protagonista, rimettendo tutto in discussione. Salvini legge la nota, voluta da Giorgia Meloni e su cui i tre leader hanno lavorato per oltre due ore durante il vertice di palazzo Grazioli, per poi vedere il Cav prendere il microfono e rubare la scena: “Fate i bravi e sappiate distinguere chi è democratico e chi no, da chi non conosce l’abc della democrazia è ora di dirlo a tutti gli italiani”. Un chiaro attacco al Movimento 5 Stelle che decreta, a tutti gli effetti, una situazione di stallo.

Governo 2018, il pensiero di Matteo Salvini

“Il centrodestra è pronto a farsi carico di questa responsabilità unitariamente, formando un governo forte e di lunga durata con un premier indicato dalla Lega”. Così Matteo Salvini, leader della Lega, al termine delle consultazioni al Quirinale. “Se continuasse il gioco delle tattiche politiche e dei veti mentre gli italiani soffrono vuol dire che la richiesta di cambiamento emersa dalle elezioni del 4 marzo sarebbe disattesa. Speriamo non sia così per l’Italia, per noi è il valore più grande”.

The Voice of Italy 2018: Francesco Renga a caccia di 12 talenti per il suo team

Governo 2018, Di Maio non cambia idea: “Accordo con la Lega solo senza Berlusconi, ma così non sarà”