in

Governo Conte riforme, pensioni quota 100 requisiti e novità: il pensiero di Tito Boeri (INPS)

Smantellare la Legge Fornero, è questo l’obiettivo del Governo Conte e che accomuna Lega e Movimento 5 Stelle. La riforma pensioni passa per quota 100. E adesso, prima di andare a scoprire come funziona, quali sono i requisiti e quanto costerebbe, andiamo a scoprire il pensiero di Tito Boeri, presidente INPS“Siamo pronti a collaborare a mettere in atto le decisioni che verranno prese. L’unica cosa che chiedo è che gli annunci siano precisi – ha detto Tito Boeri a SkyTg24 a proposito delle ultime dichiarazioni di Luigi di Maio -: se si parla di quota 100, vuol dire che un lavoratore che ha 60 anni di cui 40 di contributi potrà andare in pensione, stiamo creando questa aspettativa. Se invece si vuole porre una condizione anagrafica di 64 anni, questo è diverso, ed è bene essere chiari perché le famiglie si fanno delle aspettative”.

Leggi anche: Tutti i dettagli sulle riforme Pensioni 2018

pensioni Tito Boeri contro con Cesare Damiano

Pensioni quota 100: come funziona?

Come funziona la quota 100 per quanto concerne la Riforma Pensioni 2018 proposta dalla Lega? Come abbiamo già evidenziato in apertura si tratta della possibilità di uscire dal lavoro quando la somma degli anni di contributi versati e l’età anagrafica dà un risultato pari a 100 anni. Questo vuol dire che se si hanno 20 anni di contributi si andrà in pensione a 80? Assolutamente no. La Pensione Quota 100, infatti, non andrebbe a sostituire la pensione di “vecchiaia”. Si ritornerebbe, in somma, al periodo precedente alla Riforma Fornero. A oggi sopravvivono alcune tipologie residuali di pensione di anzianità con le quote: si tratta delle pensioni degli addetti ai lavori usuranti, delle pensioni dei beneficiari delle salvaguardie e del cosiddetto salvacondotto.

Leggi anche: Come funziona la pensione di cittadinanza

Pensioni quota 100: quanto costerebbe

Consentire l’accesso alla pensione con la quota 100 (somma tra età e contributi, fissando comunque un minimo di 35 anni di contributi) potrebbe costare nel 2019 11,5 miliardi per arrivare a quasi 15 a regime, il terzo anno dall’avvio della normativa. Il calcolo arriva da Stefano Patriarca, a lungo consulente di Palazzo Chigi per la previdenza e ora responsabile della società di consulenza e ricerca Tabula. Nel 2017 – spiega all’Ansa a proposito delle proposte di modifica della legge Fornero che potrebbero arrivare con il nuovo Governo – sono state liquidate dall’Inps nel solo settore privato circa 290.000 nuove pensioni previdenziali dirette e tra queste circa 160.000 di anzianità. In media chi è andato in pensione anticipata aveva 61 anni. Nonostante fossero necessari 42 anni e 10 mesi di contributi (41 e 10 mesi le donne) oltre la metà dei nuovi pensionati è uscito in anticipo.”

Pensione di cittadinanza

Detto Fatto tutorial dal 4 al 8 giugno: capelli, matrimonio, cucina e non solo con Caterina Balivo

NTT Data Italia offerte di lavoro giugno 2018: 1000 assunzioni, ecco i profili richiesti