in

Governo Cottarelli programma: obiettivo nomine e piano IVA

Il Governo Cottarelli ha come obiettivo quello di esaurire il proprio mandato con la Legge di Bilancio 2019 per poi sciogliere le Camere qualora si dovesse ottenere la fiducia. Ipotesi altamente improbabile. Ma sarà sempre l’esecutivo Cottarelli a traghettare l’Italia alla prossima tornata elettorale. E nel frattempo ci sono dei dossier da portare in avanti. Evitare l’aumento dell’Iva è la sfida principale per il prossimo governo. Sul 2019 pende infatti la spada delle clausole di salvaguardia, la cui sterilizzazione non è ancora stata scongiurata. Ma l’Iva non è l’unico fronte caldo sul quale potrebbe confrontarsi il premier incaricato. Tra i dossier che il governo guidato da Carlo Cottarelli potrebbe trovarsi sul tavolo spiccano quello delle nomine.

Leggi anche: Lega e Movimento 5 Stelle insieme al Governo? Oltre il 90%

Governo Cottarelli e piano IVA: evitare l’aumento

Per evitare l’aumento dell’Iva il prossimo governo dovrà trovare 12,5 miliardi di euro per il 2019 e 19,1 miliardi di euro per il 2020. Il nuovo esecutivo dovrà riuscire ad arrivare almeno a dicembre per approvare una manovra in grado di limitare o impedire l’aumento dell’Iva o comunque di accompagnarlo con misure che ne bilancino le implicazioni negative. Nel caso in cui non ci fosse un governo in autunno in grado di approvare la manovra, scatterebbe l’esercizio provvisorio. A quel punto le clausole di salvaguardia sarebbero inevitabili. In un tale scenario, a partire dal primo gennaio 2019 l’aliquota ordinaria passerebbe dal 22 al 24,2%, mentre quella ridotta salirebbe dal 10 all’11,5%. Negli anni successivi la situazione potrebbe peggiorare, fino a portare l’Iva ordinaria al 25% nel 2021 e quella agevolata al 13% nel 2020.

Governo Cottarelli e le nomine: Di Maio e Salvini vogliono evitarle

Il Governo Cottarelli potrebbe prendere in esame anche il capitolo nomine: nelle prossime settimane l’esecutivo dovrà rinnovare diverse caselle. Si parte dai vertici di due aziende di peso, Cassa Depositi e Prestiti e Rai. Un appuntamento che, visti i recenti sviluppi politici appare ora incerto. Secondo quanto ipotizzano fonti vicine al dossier, potrebbero essere vagliate più opzioni, come quella di mantenere l’assemblea aperta. Nel risiko delle nomine c’è poi il rinnovo del vertice Rai, guidato dal tandem Monica Maggioni-Mario Orfeo che conclude il mandato. La procedura per il rinnovo è già partita e con la nuova legge la scelta del cda è rimessa al Parlamento. Ma l’indicazione del direttore generale e del presidente spetta al governo. Oltre a Cdp e Rai, sono da rinnovare anche i vertici di Gse e Sogei. Di Maio e Salvini hanno già spiegato che loro impediranno a Cottarelli di poter attuare le nomine.

Leggi anche: Gli italiani vogliono uscire dall’euro?

Bianca Atzei e Jonathan, il post sospetto su Instagram: “Ti amo”

Matteo Salvini attacca il Presidente della Repubblica: “Poteri forti…” (VIDEO)