in

Governo news accordo Lega – M5S, dopo il via di Berlusconi cambia tutto: Di Maio e Salvini a lavoro

Il Governo 2018 trova uno sblocco importante per la sua formazione: Silvio Berlusconi, nella serata di ieri, con una nota di Forza Italia, ha fatto un importante passo indietro mettendosi in disparte. Questo cambia tutto perché la presenza del Cavaliere era uno dei veti posti dal Movimento 5 Stelle: i forzisti, però, non voteranno la fiducia. E cosa cambia adesso? Quali sono gli scenari possibili? Lega e Movimento 5 Stelle, dopo aver chiesto ventiquattro ore a Mattarella, adesso sono a lavoro: ma i nodi da sciogliere sono tanti e non facili. Ecco tutto quello che c’è da sapere con le reazioni di Di Maio e Salvini.

Leggi anche: La nota di Silvio Berlusconi

La reazione di Luigi Di Maio

Il capo politico M5S, Luigi Di Maio, commenta positivamente la dichiarazione con cui il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, annuncia il sostanziale via libera di Forza Italia alle trattative per un governo tra Lega e Movimento 5 Stelle. Di Maio però avverte: “La finestra del voto a luglio rimane aperta se con la Lega non troveremo un accordo” e conferma la disponibilità a concordare un premier terzo con il Carroccio. Poi spiega:  “Non dovete immaginare che fra ventiquattro ore avrete squadra di governo e contratto, sono sicuro che se Mattarella vede gli spiragli per la formazione di un esecutivo politico, ci darà il tempo necessario”.

La reazione di Matteo Salvini

“Per me sarebbe un onore guidare il Paese. O si chiude veloce o si vota”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, commentando la nota di Silvio Berlusconi. “Stiamo lavorando fino all’ultima ora per far nascere un governo fedele al voto degli italiani. Tenuta salda, per lealtà e coerenza, l’unità del centrodestra, come da nota del presidente Berlusconi che ringraziamo, rimane da lavorare su programma, tempi, squadra e cose da fare”.<

Governo news, Berlusconi spiazza tutti: “Ok ad accordo Lega – M5S”

Governo news toto-premier e squadra ministri: serve un nome terzo, ecco i ruoli di Salvini e Di Maio