in

Governo news, Di Maio avverte i suoi: “Facciamo un passo avanti, sforzo anche del Pd”

Governo sì, Governo no? Di Maio esce dalla camera di Roberto Fico, Presidente della Camera, e sentenzia: “Dobbiamo abbandonare il vocabolario della prima e seconda Repubblica – esordisce il capo politico del Movimento 5 Stelle – e nella terza Repubblica non ci sono alleanze tra le forze politiche, che fanno un passo indietro. Abbiamo il 32 per cento. Non siamo autonomi e quindi stiamo cercando di portare a casa un buon contratto di governo al rialzo, non al ribasso”. Insomma, il leader pentastellato è consapevole di aver bisogno di un alleato e con il Partito Democratico si potrà lavorare, qualora i DEM decidessero per il sì il prossimo 3 maggio 2018 in occasione della Direzione.

Leggi anche: Maurizio Martina, la posizione dopo l’incontro con Fico

Governo news, Di Maio bacchetta Salvini

“Potevamo fare anche noi gli interessi di parte, potevamo fare come la Lega – spiega ancora il leader pentastellato -. Ma io non vedo l’ora di mettermi al lavoro” sui problemi dei giovani, degli anziani, delle famiglie e delle imprese, dice Di Maio. “Credo – insiste – che dal voto del 4 marzo siano uscite delle richieste sui problemi dei pensionati rispetto alla legge Fornero, i problemi del precariato rispetto alle leggi sul lavoro, problemi legati a insegnanti che devono fare mille chilometri per andare a lavorare, problemi sulle grandi opere inutili”. Quindi, l’invito a fare un passo avanti, guardando non solo al Pd ma anche in “casa”. “Io capisco chi tra i nostri dice ‘mai col Pd’, come capisco chi tra gli elettori del Pd dice ‘mai con il M5s’. Ma qui non si è mai parlato di andare con qualcuno. Qui si sta parlando non di negare differenze anche profonde. Stiamo semplicemente cominciando a ragionare in un’ottica non di schieramento”.

Governo news, Di Maio attacca Berlusconi: “Basta conflitti di interessi”

Poi una bella bordata a Silvio Berlusconi, che ieri, 25 aprile, nonostante i continui richiami di Matteo Salvini a finirla con gli insulti, ha paragonato l‘ascesa del M5s agli occhi degli italiani a quella di Hitler per gli ebrei, un “pericolo per il Paese”. Ed ecco la replica di Di Maio: “Bisogna mettere mano a questo continuo conflitto di interesse che c’è in Italia. Penso ad esempio al fatto che Berlusconi usando le sue tv continua a mandare velate minacce a Salvini”.

l'aquila donna trovata morta

L’Aquila donna trovata morta in casa a Carsoli: sul corpo inequivocabili segni di violenza

Concorso Wow Air estate 2018: la compagnia aerea offre 3000 euro al mese per girare il mondo, scopri come fare domanda