in

Governo news, Di Maio rompe gli equilibri: “Accordo con la Lega con Premier terzo”

Luigi Di Maio rompe gli equilibri della scena politica italiana, a poche ore dal terzo giro di consultazioni per la formazione del Governo 2018. Durante l’intervista concessa a Lucia Annunziata, nel salotto di In Mezzora, il capo politico del Movimento 5 Stelle ha cercato di creare nuova confusione all’interno del centrodestra. Motivo? Presto detto: “Se il punto è realizzare qualcosa per gli italiani, un programma elettorale, e l’ostacolo sono io, le persone devono sapere che quell’impuntatura non c’è. Se è per il bene delle persone, io faccio un passo indietro. E a Salvini dico: scegliamo insieme il presidente del Consiglio a condizione che sia a capo di un governo M5-Lega e realizzi il reddito di cittadinanza e l’abolizione della legge Fornero.”

Leggi anche: Gentiloni da Fazio risponde a Di Maio

Governo news, Di Maio a Salvini: “Evitiamo il Governo tecnico”

Luigi Di Maio non ha dubbi e ribadisce, negli studi di RaiTre, che i partiti politici adesso devono assolutamente: “Una soluzione dobbiamo trovarla. Se dovesse arrivare un’altra chiusura, anche in virtù di quello che vedo nei sondaggi, non avremmo alcun problema nel ritornare al voto. Con un governo tecnico, il problema è la connessione con il Paese”. Permane sempre il veto Berlusconi, come spiega Luigi Di Maio: “Finché Salvini diceva che il premier deve essere del centrodestra, io facevo argine. Ma la questione è Berlusconi: apparteniamo a epoche politiche diverse. Ora siamo in un’altra fase, i politici fanno un passo indietro e i cittadini uno avanti. È difficile immaginare che un vecchio politico possa realizzare il reddito di cittadinanza”.

Governo news, Di Maio spiega i motivi della rottura con il Pd

Poi il capitolo del forno chiuso con il Pd. “Mettiamola così: se il presidente Roberto Fico riceve un incarico esplorativo dal Presidente della Repubblica e il Pd di fronte a quell’incaricato dice che c’è una disponibilità al dialogo e in quella delegazione ci sono i due capigruppo renziani… Ha meravigliato un po’ tutti l’intervista di Renzi da Fazio che ha fatto saltare il tavolo. Non credo che il Pd e il reggente Martina aprissero ai Cinque Stelle senza aver consultato il partito internamente. Ora sento il Pd dire ‘ci siamo a un governo istituzionale’. Dunque l’unica preoccupazione era impedire al M5S di governare al costo di andare al governo con il centrodestra, questo lo dovranno spiegare ai loro elettori”.

ultimi sondaggi elettorali pd

Governo news, Gentiloni a Che tempo che fa: “Preferirei non proseguire, ma decide Colle”

Governo news, vertice Centrodestra oggi: i forzisti ribadiscono il no al Movimento 5 Stelle