in

Governo news, il Partito Democratico si sfalda: Calenda è una furia, promette le dimissioni

Un accordo con il Movimento 5 Stelle non è ben visto da tutti in casa Partito Democratico. C’è chi non dimentica il “fango” buttato addosso nel corso degli ultimi cinque anni e preferirebbe andare all’opposizione o tornare alle urne per capovolgere il risultato elettorale. Così, la formazione del Governo 2018 diventa ancora più difficile perché bisogna lavorare all’interno dello stesso Partito Democratico con le tante e diverse correnti di pensiero. Ci sarà o no l’accordo con il Movimento 5 Stelle? Maurizio Martina, segretario reggente dei DEM, ieri ha detto: “Abbiamo detto a Fico una cosa: dopo 50 giorni di questa situazione che abbiamo tutti osservato e vissuto di impossibilità ad arrivare ad una proposta di governo, noi siamo disponibili a valutare il fatto nuovo se verrà confermato in queste ore e cioè la fine di qualsiasi tentativo di un accordo con la Lega.”

Leggi anche: Le parole di Luigi Di Maio, chiusura alla Lega 

Governo news, Martina: “Dobbiamo valutare”

“Con spirito di leale collaborazione, non nascondendoci le diversità e punti di partenza differenti anche dal punto di vista programmatico su temi essenziali, ci impegniamo ad approfondire questo possibile percorso di lavoro comunque coinvolgendo i nostri gruppi dirigenti”. Martina ha anche spiegato che “la direzione nazionale deve essere chiamata a valutare, approfondire discutere ed eventualmente deliberare un percorso nuovo che ci coinvolga”. Si dovrà lavorare sui punti messi nero su bianco durante la campagna elettorale da parte del PD: “Siamo ad un passaggio di fase potenziale aspettiamo vere risposte su questi temi fondamentali Attendiamo di capire gli sviluppi e lo faremo con il massimo della disponibilità sempre tenendo fermi i nostri atteggiamenti di queste settimane chiarezza, coerenza e responsabilità nel riconoscimento della fase che il paese sta attraversano”. Il Pd è disponibile a dialogare con M5s sulla base dei 100 punti del suo programma di governo e su tre punti già evidenziati durante le Consultazioni al Quirinale” – ha detto Martina dopo le consultazioni con il presidente della Camera -: una “agenda europeista”, il “rinnovamento della democrazia superando il populismo”, politiche del lavoro “rispettando gli equilibri di finanza pubblica”.

Governo news, Orfini e Calenda sul piede di guerra

Ma un accordo con il Movimento 5 Stelle non è ben visto da molti all’interno del Partito Democratico. Come, ad esempio, Matteo Orfini: “Di Maio in questo momento ci sta chiedendo pubblicamente di fare un accordo sulla base di un confronto programmatico. Per chiarezza, sulla proposta di un accordo per un governo politico Pd-M5s la mia personale posizione resta la stessa di sempre: sono contrario”. Mentre Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo nel corso dell’ultimo mandato Gentiloni, tuona: “Vedo il serio rischio – ha scritto su Twitter – che Pd sia troppo antisistema per allearsi con M5s attuale”. E poi ribadisce:  “Fico esplora, Salvini passeggia (ma non marcia), Di Maio informa. Intanto programmi cambiano, contratti vengono redatti da Professori su imput di chi considera Governo dei tecnici e professori male assoluto. Nessuno mette in discussione Nato e Euro. Non male per primi 50 giorni”. E poi sottolinea: “In caso di alleanza” con il Movimento 5 Stelle, Carlo Calenda, conferma il suo addio ai Dem. Lo fa ancora Twitter rispondendo ad un suo follower che gli chiede: “Anche lei aveva promesso di dimettersi da nuovo iscritto in caso di trattativa con i 5 Stelle. O mi sbaglio?”. “In caso di alleanza”, è la risposta, “e lo confermo”.

Ultimi sondaggi elettorali, Quorum: percentuali dei partiti al 10 luglio 2018

Governo news, accordo M5S – Pd, Di Maio chiude alla Lega: “Possibile intesa con i DEM”

Elezioni a luglio 2018, Rotondi (FI): «Vincerà M5S, il nostro elettorato va al mare»

Governo news, la Lega è sicura: “Non ci sarà accordo Pd – M5S”, Salvini bacchetta Di Maio