in

Governo news Lega – M5S, Maurizio Martina su Facebook attacca Renzi: “Pop-corn e guardare? Non scherziamo”

Lega e Movimento 5 Stelle sono al tavolo delle trattative per formare il Governo 2018. Mentre continuano i vertici  tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio – con i “passi avanti” verso il governo Lega-M5s – il segretario reggente del Partito Democratico, Maurizio Martina, chiama i suoi a concentrarsi sulle prossime partite che vedranno impegnati i dem: l’assemblea nazionale del 19 maggio e l’organizzazione di quella “opposizione responsabile” di cui molti esponenti del Pd hanno parlato già ieri. E su Facebook non manca la stoccata nei confronti di Matteo Renzi: “Altro che stare a guardare con i pop-corn in mano davanti a un governo M5S-Lega”, ha scritto Martina su Facebook, commentando le parole attribuite all’ex segretario del Pd, ma smentite dal suo staff. “Non scherziamo – dice ancora il reggente – il Pd e le forze di centrosinistra devono prepararsi e passare presto alla proposta alternativa”. 

Leggi anche: Tutte le news sul Governo 2018 con UrbanPost, chi sarà il Premier?

Andrea Orlando attacca Matteo Renzi

Anche il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, prende le distanze dalla frase sui pop-corn attribuita a Renzi: “Francamente questa immagine di una specie di spettacolo a cui assistiamo divertiti, non la condivido. A me i pop-corn non piacciono e quando ci sono film splatter io non li mangio. Qui non è un film ma la vita vera e io non riesco a gioire di un governo a destra”. E sulla possibilità di un governo Lega – M5S, l’ex Ministro della Giustizia commenta: “È pericolosissimo per il nostro Paese – conclude – per l’idea di democrazia che sta dietro al sistema russo”.

Emiliano: “Renzi ha fatto fare un figurone a Berlusconi”

Una critica a Renzi e ai suoi veti arriva anche da Michele Emiliano, presidente della Puglia e uno degli esponenti della minoranza dem: “È l’unico soggetto di tutto il partito – afferma – ad aver impedito il governo tra Pd e Cinque stelle. Ha creato un meccanismo politico molto dannoso per il centrosinistra e per il Pd, nel quale abbiamo fatto ricongiungere il M5s con la Lega”. Secondo il governatore pugliese, infatti, Renzi ha permesso che Berlusconi facesse “un figurone” facendo il suo famoso passo di lato.

Carrozziere scomparso a Prato: Dennj va in pausa pranzo e non torna più, dove è stato visto l’ultima volta

Chi è Giampiero Massolo, il possibile Premier “terzo” che piace a Lega e M5S: biografia e carriera politica