in

Governo news, Massimiliano Fedriga a Circo Massimo: “Ha ragione Salvini, accordo con M5S o voto”

Si continua a lavorare per la formazione del Governo 2018 e la Lega sembra iniziare a prendere una posizione decisa: mentre il leader del Carroccio, Matteo Salvini, insiste sulla richiesta di un preincarico, rifiutando l’idea di un governo istituzionale, nel Carroccio le posizioni si differenziano. Tra chi, come il neo-presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga è per la riapertura delle trattative con il Movimento 5 Stelle. E chi, come Giancarlo Giorgetti e Roberto Maroni, che aprono a un esecutivo “breve” per riscrivere la legge elettorale e tornare presto alle urne “Aspettiamo la decisione del presidente Mattarella, siamo fiduciosi, confidando nella sua saggezza – afferma Fedriga a Circo Massimo su Radio Capital – Poi speriamo si passi al ‘forno delle responsabilità”. E ancora, Massimiliano Fedriga a Circo Massimo ribadisce: “Ipotizzo un riavvio della trattativa di tutto il centrodestra con il Movimento 5 Stelle senza veti – spiega – Il Pd ha portato avanti politiche opposte alle nostre, non vedo compatibilità. Altrimenti l’unica strada è il voto dopo aver cambiato la legge elettorale”.

Leggi anche: La posizione di Matteo Salvini, l’annuncio a Bergamo

Governo news, la posizione di Giancarlo Giorgetti

Il capogruppo della Lega alla Camera, nonché braccio destro di Salvini, ha confermato che il Carroccio non intende seguire Di Maio nella corsa precipitosa al voto, ma neanche dare soddisfazione a Silvio Berlusconi che insiste per un incarico al centrodestra convinto di trovare i non pochi che mancano in Parlamento. A Salvini, secondo Giorgetti, non piacciono “soluzioni incollate con lo scotch, come trovare di volta in volta 40-50 parlamentari, per permettere di sopravvivere giorno per giorno”, ha assicurato il capogruppo leghista. Giorgetti non ha però chiuso la porta alla possibilità di partecipare a un governo anche con M5S che modifichi la legge elettorale. Naturalmente con un paletto ferreo: si deve tornare a votare “in tempi rapidissimi”. “Patti chiari, amicizia lunga, governo corto”, ha aggiunto.

Governo news, Roberto Maroni a Porta a Porta: “Cosa penso”

Protagonista a Porta a Porta nella serata di martedì 1 maggio 2018, Roberto Maroni sottolinea il proprio pensiero: “Consiglio ai due giovani leader Salvini e Di Maio di prendere in mano la situazione e fare un accordo per riscrivere subito la legge elettorale con premio di maggioranza e doppio turno”. Secondo l’ex ministro dell’Interno, solo dopo una legge elettorale si potrà tornare alle urne. “La data “buona” è domenica 7 ottobre – aggiunge- con una legge elettorale votata da Lega e M5S”. E quanto al centrodestra lancia una proposta: “Si potrebbe pensare a una Forza Lega con Salvini premier, sarebbe un modo per tenere tutto insieme”

Ragazzo di Udine scomparso in Germania, ritrovato Michael Craighero: dov’era e come sta

Revisione auto novità 2018: cosa cambia? Importanti info per i proprietari di vetture (GUIDA COMPLETA)