in

Governo news oggi, incarico a Fico: «Viene da una storia di sinistra», dice Cirinnà (PD)

Monica Cirinnà, esponente di spicco del Partito Democratico, ha commentato l’ipotesi di un incarico di governo a Roberto Fico, attuale presidente della Camera e tra i fondatori del Movimento 5 Stelle. Cirinnà è intervenuta questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano. La senatrice del Partito Democratico ha detto la sua sull’attuale situazione politica, a partire dalla posizione dei pentastellati.«Il Movimento Cinque Stelle? – ha detto la senatrice PD – E’ una di quelle bestie della mitologia con tante teste. Ogni testa dice quello che vuole, pensa quello che vuole e magari morde anche la testa accanto. Mi pare che la politica italiana si sia trasformata in un corso per panettieri, si parla di forni. All’amica Casellati auguro buon lavoro, ma credo che tornerà con le pive nel sacco dal Presidente della Repubblica. Poi ci sarà probabilmente un mandato a Roberto Fico o a persona terza. M5S deve smetterla di raccontare bugie agli italiani, dicendo di aver vinto le elezioni e che 11 milioni di italiani hanno indicato Di Maio come Premier. Noi abbiamo una legge per cui non si indica il Premier. E neanche il Presidente della Repubblica».

governo ipotesi incarico fico

Su un eventuale incarico a Roberto Fico, Cirinnà ha detto: «Se Salvini mollasse Berlusconi il governo nascerebbe domani. Le affinità politiche tra M5S e la Lega ci sono. Salvini però non lascerà mai Berlusconi. Ha in testa un disegno politico che prevede il risucchio e l’inglobamento di Forza Italia e Berlusconi. Il Movimento Cinque Stelle deve decidere che cosa vuole fare. Dica ai suoi elettori che si sono sbagliati e che undici milioni di voti non bastano per governare. Noi del Pd siamo fermi sulla nostra posizione, se qualcuno ci chiama ad una responsabilità metteremo noi i paletti della nostra responsabilità».

Poi l’attacco a Di Battista. «Non siamo disposti a farci dire, come fa Di Battista, che tutto ciò che abbiamo fatto negli ultimi 5 anni è immondizia. Stesse tranquillo Di Battista, che tanto non diventerà sindaco di Roma come secondo me sogna di fare. Abbiamo già i nostri candidati a cui stiamo già accendendo i motori. Fico? Nessuno è unico e indispensabile, ognuno risponde della propria storia di vita, educativa e culturale. Il curriculum dei colleghi a Cinque Stelle fa molta acqua. E’ evidente che Fico viene da una storia di sinistra, la cosa può essere positiva per chi ritiene di dover dialogare su alcuni punti. Ma se mai dovessimo sederci a tavolo con i Cinque Stelle, sarebbero loro a dover venire sui nostri punti. Un Def serio, l’aumento del reddito di inclusione, un provvedimento immediato sul lavoro e per il lavoro».

Leggi anche: Governo, Toninelli apre al PD: «Meglio loro di Berlusconi»

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Belén Rodriguez incontro con Fabrizio Corona: Silvia Provvedi lascia l’appartamento del fidanzato?

Monza: donna uccisa dal marito in strada a colpi di arma da fuoco, killer poi si costituisce