in

Governo news trattativa Lega – M5S, Di Maio: “Chiesto sostegno della Meloni? Follia pura”

Si complica la strada che potrebbe portare alla formazione di un nuovo esecutivo a Palazzo Chigi. Oggi, sabato 12 maggio 2018, nuovo incontro tra i due leader che stanno trattando ormai da tre giorni, ovvero Matteo Salvini della Lega e Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle. A prendere parola, nella serata di ieri, è stato proprio il capo politico dei pentastellati che ha spiegato come l’obiettivo sia quello di: “Chiudere il prima possibile, perché se non si chiude si torna al voto”. L’ex vicepresidente della Camera ha colto l’occasione per rispondere anche alle dichiarazioni di Tajani, presidente UE:  “Oggi noi conosciamo la situazione dell’Ue, sappiamo che ci sono delle cose che vanno fatte, ci sono anche nell’ambito del bilancio europeo delle pretese che l’Italia deve portare avanti, sul fondo sociale europeo, sui finanziamenti che devono arrivare, c’è tanto da fare e chi vede questa ipotesi come una minaccia per Ue forse vede una minaccia per la sua poltrona”.

Leggi anche: Silvio Berlusconi è ricandidabile

Contratto di Governo Lega – Movimento 5 Stelle

“Il fatto di chiedere ai nostri iscritti un parere sul contratto di governo significa proprio dover fare un buon contratto di governo”, ha detto Di Maio a chi gli chiede se con il “no” degli iscritti al M5S nel voto online l’accordo con la Lega salterebbe. “La mia garanzia sta nel fatto che faremo un buon lavoro per soddisfare quello che gli italiani si aspettano da un governo di questa portata”, spiega. Davide Casaleggio ha detto che l’eventuale contratto di governo che sarà sottoscritto da M5s e Lega sarà posto ai voti sulla piattaforma Rousseau. E Luigi Di Maio ha incontrato per circa un’ora nel pomeriggio la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Con Giorgia Meloni – ha detto Di Maio – ho avuto un incontro cortese, le ho spiegato perché Fdi non può stare nel contratto di governo tra M5S e Lega”.

Scontro Di Maio – Meloni: il botta e risposta

“Ho ricevuto oggi, su sua richiesta – è invece la versione della Meloni – Luigi Di Maio. Nel corso dell’incontro ha chiesto il sostegno di Fdi ad una premiership sua o di un altro esponente del M5S in cambio di un via libera a un nostro ingresso nel governo. Ho ribadito al leader pentastellato che FdI che non ha avanzato alcuna richiesta di ingresso nel nuovo esecutivonon potrebbe mai far parte di un governo a guida grillina. La risposta è che in questo caso lui avrebbe posto un veto sulla nostra presenza perché ‘troppo di destra’”. Alcuni di Fdi avevano dato disponibilità al sostegno esterno, da qui Luigi Di Maio ha chiesto l’incontro con Giorgia Meloni. E’ una “follia” la versione secondo cui Di Maio avrebbe chiesto sostegno alla sua premiership. Di Maio avrebbe detto che con Fdi al governo sarebbe un esecutivo “troppo a destra”, da bilanciare, a quel punto, con una premiership del Movimento 5 Stelle.

 

roberta ragusa news

Roberta Ragusa “pianificò la fuga, era stanca della famiglia”: macigni le parole del padre di Antonio Logli

silvio berlusconi ultimi sondaggi

Governo news trattativa Lega – Movimento 5 Stelle, Berlusconi: “Spero non si faccia”