in

Governo ultime news, esecutivo di “tregua” o elezioni? Tutte le indiscrezioni – LIVE BLOG

15:53 – Lo sfogo di Luigi Di Maio su Facebook. No, non c’è l’accordo con la Lega di Matteo Salvini. Il capo politico del M5S con un duro sfogo su Facebook fa il punto della situazione e rivela che saranno ancora gli italiani a doverne fare le spese… (GUARDA IL VIDEO)

14:49 – Nuova agenzia, questa volta con un’indiscrezione che riguarda Matteo Salvini: senza governo politico si andrà al voto il prossimo 8 luglio 2018. 

14:38 – Così come riporta l’agenzia di stampa Ansa è in corso, in questi minuti, un incontro tra Luigi Di Maio, capo politico del Movimento 5 Stelle, e Matteo Salvini, leader della Lega, alla Camera dei Deputati.

12:40 – La delegazione del Partito Democratico è uscita da pochi minuti dal colloquio con Sergio Mattarella. Così ha parlato il reggente del Pd, Maurizio Martina: “Pensiamo che a questo punto sia urgente date una soluzione alla crisi, superare lo stallo di queste settimane e risolvere una situazione che viviamo dal 4 marzo. Basta prender tempo ed esasperare logiche di parte, stop al gioco dell’oca, la volontà di ritornare al punto di partenza da parte di chi si è dichiarato vincitore senza avere i numeri per governare. Per noi viene prima il Paese, abbiamo confermato al presidente della Repubblica la piena fiducia nella sua iniziativa e supporteremo il suo lavoro. Le parti devono rendersi conto che oggi, da sole, non ce la fanno. Il nostro messaggio semplice e forte è che finiscano queste logiche. Piena responsabilità e comprensione da parte di tutti. No a incarichi al buio nè a trasformismi ma a uno sforzo del Paese super-partes. Vogliamo evitare l’aumento dell’IVA in autunno. Per noi è fondamentale continuare a lavorare sull’agenda economica del Paese.”

11:45 – La delegazione del Centrodestra è uscita in questo istante dal colloquio al Quirinale con Sergio Mattarella. Matteo Salvini ha detto: «Scendo in campo in prima persona», chiedendo espressamente l’incarico al Presidente Mattarella per andare a verificare l’esistenza di un’eventuale maggioranza in Parlamento. Negli ultimi minuti precedenti la salita al Colle sono stati concitati, con il tentativo fallito di Matteo Salvini di convincere Berlusconi ad appoggiare dall’esterno un governo M5S-Lega.

Sono ore di fibrillazione per le sorti della XVIII legislatura nata dal voto del 4 marzo 2018. Le ultime news sulla formazione di un governo delineano uno scenario di grande incertezza. I protagonisti sono almeno tre: il Movimento 5 Stelle che con il suo leader Luigi Di Maio ha rilanciato alla Lega la proposta di un governo politico “a due” tra le forze politiche uscite vincitrici dal voto con un premier “terzo” rispetto ai leader dei due partiti, la Lega di Matteo Salvini che per il momento resta fedele all’alleanza di Centrodestra e dice “no” ai veti del M5S nei confronti di Forza Italia e Fratelli d’Italia, e naturalmente il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sì, perché oggi 7 maggio 2018 al Quirinale inizia il terzo giro di consultazioni che potrebbe anche mettere la parola fine alla possibilità residua di formare un governo “politico”. Resterebbe la sola soluzione di un governo di “tregua”, una sorta di ultima spiaggia per evitare un nuovo ricorso alle urne. Soluzione che, pur osteggiata dal Quirinale, è ancora sul piatto della crisi.

Governo ultime news, esecutivo di "tregua" o elezioni? Tutte le indiscrezioni

Governo ultime news: cos’è il governo di “tregua”

Intanto vedremo cosa uscirà dal terzo giro di consultazioni al Quirinale, di oggi, 7 maggio 2018. Se dovesse riconfermarsi il muro contro muro di M5S e Centrodestra, allora il Presidente della Repubblica tenterebbe la carta del governo di tregua. Sì, ma guidato da chi e sostenuto da chi? L’ipotesi sarà discussa nelle consultazioni di oggi: si cerca un nome di alto profilo che possa essere gradito dalla stragrande maggioranza del Parlamento. Ma cosa dovrebbe fare questo governo di tregua? Poche cose: la legge di stabilità, una nuova legge elettorale. Insomma, un orizzonte temporale di un anno che potrebbe servire al paese per tirare il fiato, rispettare le sue scadenze per poi cercare di ritrovare una stabilità politica. Ma questa soluzione è invisa a molti: alla Lega, che teme le paludi di un governo tecnico che adotti provvedimenti lontani dal suo programma politico, da Forza Italia che in nessun modo vuole accordi con l’M5S e dallo stesso Movimento 5 Stelle per lo stesso motivo e per le insidie programmatiche insite nella soluzione “istituzionale”.

gentiloni resta in carica fino autunno 2018?

Governo ultime news: voto anticipato? Se sì, in autunno

Se l’unica soluzione fosse il voto anticipato quando si voterebbe? E’ difficile ma non impossibile che in caso di elezioni anticipate si torni al voto a luglio 2018. Ma per farlo occorre che le camere vengano sciolte entro il 9 maggio: ipotesi altamente improbabile. In caso di scioglimento dopo il 9 maggio il nuovo ricorso alle urne slitterebbe all’autunno. Con la conseguenza che il governo Gentiloni resterebbe ancora in carica per gli affari correnti per diversi mesi. Affari che tanto correnti, però, non sarebbero dato che includono l’impianto della legge di stabilità.

Leggi anche: Governo, Gentiloni: «Preferirei non proseguire, ma decide Mattarella»

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Assunzioni Crif 2018: offerte di lavoro per 100 risorse, ecco le posizioni aperte (GUIDA COMPLETA)

Il Capitano Maria Fiction RaiUno: cast, trama, quante puntate, ambientazione (GUIDA COMPLETA)