in

Grande Fratello 2018, Barbara d’Urso in diretta attacca il Ministro Fontana: “L’amore…”

Durante la finale del Grande Fratello 2018 Veronica Satti non ce l’ha fatta a diventare una dei finalisti. Tornata in studio, la figlia di Bobby Solo ha potuto riabbracciare e baciare la propria ragazza. Un momento romantico che ha dato l’opportunità a Barbara d’Urso di lanciare un messaggio a Lorenzo Fontana, neo ministro per la Famiglia: “Caro Ministro, la famiglia è qualunque tipo d’amore”. Una affermazione che è stata subito accolta da un grande applauso da tutti quelli presenti in studio di Cinecittà.

Leggi anche: Chi ha vinto il Grande Fratello 2018

Lorenzo Fontana: “Le famiglie arcobaleno non esistono”

Lorenzo Fontana, nuovo ministro della Famiglia e Disabilità, tuona contro le famiglie gay cosiddette arcobaleno. Il ministro ha rimarcato che “per legge non esistono in questo momento”, ricordando però che “nel programma che è stato steso con i 5 Stelle non si sono, volutamente, toccati i temi etici. E io rispetterò quel programma. Quindi le varie realtà omosessuali, Lgtb, eccetera non si devono preoccupare”.

Veronica Satti e Bobby Solo: l’sms del papà

Cara Veronica, mi dispiace perché per me meritavi di vincere, ti sei comportata più che bene e comunque hai vinto tu perché resistendo a tutte quelle polemiche ci siamo riavvicinati per comprenderci, un bacio tuo papà Roberto Satti in arte Bobby Solo. Questo il messaggio inviato da Bobby Solo alla figlia Veronica dopo l’eliminazione dal Grande Fratello 2018.

Written by Andrea Paolo

46 anni, nato in provincia di Reggio Calabria, emigrato negli anni '80 al nord, è laureato in scienze politiche. Ha lavorato come ricercatore all'estero e studia da anni la criminalità organizzata. Per UrbanPost si occupa di news di cronaca e di gossip sui personaggi del mondo dello spettacolo.

VERONA MORTA CON LACCIO AL COLLO

Donna uccisa dal marito nel Bresciano: l’uomo poco dopo si è suicidato

caso roberta ragusa news processo

Antonio Logli intervista, il disgusto della cugina di Roberta Ragusa: “Parole squallide e patetiche”