in

Guerrina Piscaglia news, padre Gratien Cassazione a febbraio 2019: cosa potrebbe accadere al prete congolese

Scomparsa Guerrina Piscaglia ultime notizie: inizierà il prossimo 20 febbraio il processo in Cassazione per padre Gratien Alabi. Il religioso congolese è ai domiciliari presso il convento romano dei Premostratensi, condannato in Appello a 25 anni di reclusione per omicidio volontario e occultamento di cadavere, si dichiara innocente ed estraneo ai fatti.

guerrina piscaglia news

La sentenza di condanna della Corte d’appello era arrivata lo scorso dicembre. Il sacerdote secondo l’accusa avrebbe avuto una relazione sessuale segreta con la vittima, sua parrocchiana, scomparsa mentre andava a piedi da lui in canonica il primo pomeriggio del 1°maggio 2014. Padre Gratien avrebbe ucciso la donna perché negli ultimi tempi lo pressava, voleva rendere pubblica la loro relazione clandestina contro la sua volontà. Il prete è convinto di potere dimostrare la sua innocenza e confida nel verdetto della Suprema Corte: quando infatti uno dei suoi difensori, l’avvocato Riziero Angeletti, gli ha comunicato la data della sua ultima possibilità, lui avrebbe commentato: “Non vedo l’ora. Ne voglio uscire al più presto e pulito … Dobbiamo pregare insieme in vista di quell’appuntamento”.

Leggi anche: Guerrina Piscaglia ultime notizie: omertà e segreti, qualcun altro sa ma non parla?

Il sacerdote, sebbene fiducioso, sa di rischiare grosso: se infatti la Cassazione dovesse confermare la condanna la sua pena diverrebbe definitiva e sarebbe trasferito immediatamente in carcere. “Mi ha detto che anche in caso di condanna la verità verrà comunque a galla perché c’è chi la conosce, chi finora l’ha taciuta ma prima o poi verrà fuori per raccontarla. E confermerà la sua innocenza”, ha inoltre detto Gratien al suo legale. L’avvocato Angeletti, intervistato dal quotidiano La Nazione, ha inoltre spiegato che la Cassazione dovrà valutare la legittimità dei provvedimenti finora attuati senza entrare nel merito delle due sentenze di condanna a carico del suo assistito.

caso piscaglia news

“Gli sms erano riportati in fotografia senza possibilità di esaminare i cellulari e quindi controdedurre. Non è stata ammessa l’escussione dei sette testimoni sentiti con incidente probatorio: compreso il più importante, padre Hilary Okeke, il religioso amico di Graziano che ricevette l’sms dal telefonino di Guerrina. Ma l’incidente probatorio era stato fatto quando Gratien era ancora accusato di favoreggiamento e non di omicidio”, ha dichiarato l’avvocato Angeletti, aggiungendo che nel ricorso in Cassazione la difesa di padre Gratien ha contestato anche il rifiuto della Corte di ascoltare i testimoni che avevano dichiarato di aver visto Guerrina dopo le 14.45, orario della scomparsa, secondo la ricostruzione della Procura.

Matteo Branciamore malattia, la rivelazione ‘scottante’ di Marco de I Cesaroni

Assunzioni Banca Mediolanum 2018, importanti offerte di lavoro: ecco posizioni aperte e requisiti