in

I Magnifici 5 il reality Web sulla conquista della felicità arriva in Tv

Un po’ reality, un po’ esperimento sociologico: 5 persone scritturate  e pagate per essere sé stesse ed esprimere al massimo il proprio desiderio di realizzarsi ed appagarsi. E’ la sostanza de “I Magnifici 5”, format video che appena partito da web e social già mira in alto e domani approda nel salotto tv di Canale 5, a “Pomeriggio 5”.

“Esiste una via alternativa per essere felici? I magnifici 5 è il progetto che si propone di trovare una nuova strada per raggiungere la felicità!”, basta questo claim per apprezzare la particolarità di questo video-esperimento e, perché no, anche la sua bizzarria. A partire dai primi episodi, infatti, I Magnifici 5 si candida ad un posto al sole tra i format video sul web, sempre più popolari anche in Italia. Basti pensare, anche se i temi sono completamente diversi, al successo di “Kubrick”, ospitata da Il Post.

“I Magnifici 5 ha lo scopo di divulgare il modello comportamentale Gr5, un sistema edonistico scientifico secondo il quale l’essere umano tende naturalmente al conseguimento del piacere e della gioia”, è scritto nella presentazione sul sito web. Nessuna ironia, è l’essenza del Gunther Project, teoria fondante de I Magnifici 5 che prende il nome da Gunther, il cane del produttore Maurizio Mian, da cui è partita l’idea.

Valentina, Umberto, Ornella, Emanuel, Camilla con i “5 gradi del piacere”, vale a dire sessualità, ricchezza, fisicità, scientificità, mobilità, domani alle 17 su Canale 5 sveleranno qualcosa in più progetto di conquista della felicità. Chissà che non possiamo approfittarne anche tutti noi.

Written by Andrea Monaci

46 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, economia e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

“Cheveux Chéris”: una mostra d’arte a Parigi celebra “I capelli”.

quote rosa

Quote rosa no, pari opportunità si!