di M.B. Michela in ,

Igor il Russo arrestato in Spagna dopo conflitto a fuoco


 

Igor il Russo arrestato in Spagna dopo conflitto a fuoco. Morte tre persone

igor il russo news

Igor il Russo sarebbe stato arrestato in Spagna dopo un conflitto a fuoco, ne dà notizia l’Adnkronos. Non si conoscono al momento altri dettagli, seguiranno aggiornamenti.

Igor il Russo news: 5 indagati per favoreggiamento, cattura vicina?

Il killer di Budrio – Norbert Feher (alias Igor Vaclavic) – è stato arrestato in Spagna al termine di un conflitto a fuoco con la Guardia Civil. A confermare l’accaduto anche il sito Wikilao via Twitter, specializzato in temi di sicurezza. Nella sparatoria sarebbero rimaste uccise tre persone, un civile e due agenti di polizia. Ecco la foto del latitante dopo l’arresto:

La polizia scientifica italiana, riferisce sempre l’Adnkronos, è stata incaricata dalle autorità spagnole di svolgere le procedure d’identificazione dell’uomo arrestato, ricercato dall’aprile scorso e accusato di avere ucciso Davide Fabbri, il barista di Budrio ferito a morte con un colpo di fucile il 1° aprile 2017, e la guardia ecologica Valerio Verri, ammazzato sette giorni più tardi a Portomaggiore mentre svolgeva un normale controllo sul territorio. Norbert Feher è altresì accusato di un terzo omicidio, quello di Salvatore Chianese, guardia giurata uccisa il 30 dicembre del 2015 a Fosso Ghiaia, alle porte di Ravenna.

KILLER BUDRIO GLI OMICIDI E LA LATITANZA: LEGGI SU URBANPOST

La caccia all’uomo assidua e ininterrotta, svoltasi prevalentemente nel territorio tra Marmorta e Consandolo, si era rivelata infruttuosa, tuttavia proprio di recente erano state iscritte 5 persone nel registro degli indagati. Si tratta di presunti fiancheggiatori che avrebbero aiutato ‘Igor il Russo’ durante la sua latitanza. Un passo avanti nelle indagini, culminato nella svolta all’alba di oggi, venerdì 15 dicembre.

La località in cui è avvenuto il conflitto a fuoco seguito dall’arresto del pericoloso latitante pluriomicida si trova nella zone di El Ventorrillo, compresa tra le città di Terruel in Andorra ed Albalete del Arzobispo. Il latitante serbo era ricercato in Italia e all’estero. In questi mesi la procura della Repubblica di Bologna, coordinando i carabinieri del Ros e del comando provinciale di Bologna e Ferrara, stava svolgendo attività investigative di concerto con gli inquirenti spagnoli, giacché proprio in Spagna erano state trovate tracce del passaggio e della presenza del ricercato.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook