in

Il basket italiano è lo sport migliore per gli sponsor

In tempo di crisi, le aziende devono per forza di cose limare ogni investimento di marketing, dando la priorità a quelli che si dimostrano più efficaci di altri. Le squadre sportive professionistiche, di qualsiasi disciplina, devono quindi dimostrare come l’investimento di sponsorizzazione fatto su di loro, porti maggiori risultati in termini pubblicitari: notorietà del marchio sponsor, o aumento delle vendite dello stesso, per stare ai due fattori più richiesti, il secondo dei quali fondamentale per giudicare l’efficacia di qualsiasi attività di comunicazione e pubblicità (anche non sportiva).

A questo scopo la Lega Basket ha commissionato uno studio alla società di ricerche di mercato, specializzata in sponsorizzazioni sportive, StageUp-Ipsos, uno studio per verificare se la Serie A italiana di basket può rappresentare un veicolo pubblicitario efficace per le aziende, in senso assoluto, ed in confronto ad altri eventi, nello specifico: Serie A di Calcio, Nazionale Italiana di Calcio, MotoGP e Formula 1.

basket italiano

I risultati ottenuti sono molto positivi per la Serie A di Basket. Intanto risulta essere un campionato in forte crescita, sia come numero di spettatori nei palazzetti dello sport, sia come bacino di sportivi interessati a questo sport. Come percentuale di appassionati che seguono questo sport anche sul web, solo la Serie A di Calcio ha un risultato migliore. Andando sul piano dell’appetibilità, per gli sponsor, del pubblico “sottocanestro” si ottengono risultati molto migliori anche rispetto al calcio: una maggiore percentuale di spettatori di reddito elevato (imprenditori, dirigenti, liberi professionisti, commercianti ed artigiani); una maggiore percentuale di acquirenti di prodotti tecnologici (tablet, smartphone, lettori MP3, navigatori satellitari e lettori DVD); una maggiore percentuale di risparmiatori ed investitori in tutti i tipi di investimento/risparmio.

Il terzo fattore positivo riguarda la migliore disposizione nei confronti delle aziende sponsor, sempre in rapporto con gli altri eventi citati: un’opinione maggiormente favorevole verso le aziende rappresentate; una molto migliore disponibilità ad acquistare i prodotti delle aziende sponsor; dulcis in fundo, i marchi pubblicizzati vengono ricordati molto più facilmente nella Serie A di Basket che nella corrispondente del Calcio.

[visibile]

Fai il Login Con Facebook per accedere allo studio integrale in PDF

[/visibile][nascosto]

Ecco il link per scaricare lo studio della Serie A di Basket

[/nascosto]

Nato a Molfetta, residente da più di 20 anni a Bergamo, e innamorato follemente di Milano. Laureato in Economia Aziendale, ha una passione smisurata per la pubblicità, che ha trasformato in lavoro, occupandosi di Consulenza di Marketing, Copywriting e "Socialcosi". Altre passioni sono i viaggi, la tecnologia, il calcio, le ragazze (non necessariamente in quest'ordine) e l'automobilismo, per cui è giornalista, telecronista e speaker in pista.

Piazza Pulita stasera su La7 ospiti Favia, Fassina e Roberto D’Agostino

Antonio Ingroia elezioni 2013

Programma elettorale Rivoluzione Civile Ingroia: fisco, sanità e casa