di Andrea Monaci

Il Ministro Cancellieri Smentisce Napolitano: Meglio Voto il 24 Febbraio


 

L’appello del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano perché “si voti al più presto” non piace al Ministro dell’Interno che dice “meglio votare il 24 febbraio”. Una smentita di quanto espresso dalla prima carica dello Stato che ha il sapore di un incidente istituzionale

Ministro Cancellieri Smentisce Napolitano su Data Elezioni

Il Ministro dell’Interno Cancellieri sposa la linea di Berlusconi arrivando a smentire il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che nella stessa giornata di oggi aveva chiesto di votare il prima possibile. “Meglio il votare il 24 febbraio”, ha fatto sapere in una missiva ufficiale inviata oggi al Quirinale, confermando di fatto la linea attendista che a questo punto potrebbe andare bene anche ai sostenitori della candidatura di Mario Monti.

Giorgio Napolitano Data ElezioniI tempi previsti dalla Costituzione parlano di un minimo di 45 ed un massimo di 70 giorni  dallo scioglimento delle Camere per la celebrazione delle elezioni. Quindi, se Napolitano dovesse sciogliere le Camere immediatamente, domani ad esempio, nella migliore delle ipotesi il voto non potrebbe essere fissato prima di domenica 16 febbraio, una sola settimana prima di quanto ipotizzato dal Ministro Cancellieri.

Il rinvio del voto fa più comodo in questo momento allo schieramento di Centro Destra, dove regna ancora il caos più totale in termini di alleanze e candidato Premier. Berlusconi è stato il primo a chiedere tempo per dipanare l’intricata matassa all’interno del PDL e convincere i suoi o a puntare sulla sua candidatura o in alternativa su quella di Mario Monti, all’interno di uno schieramento più ampio. Lo stesso Monti non ha ancora sciolto le riserve su una sua ipotetica candidatura a Premier, ma da ambienti a lui vicini è confermata la notizia che il professore si impegnerà direttamente nella campagna elettorale.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...