di Sabina Schiavon in ,

Impact Hub Milano, aumento di capitale: nuove risorse per le startup italiane


 

Impact Hub Milano: nuove competenze e risorse per le startup innovative sociali

bando startup callforgrowth

Nuove competenze e risorse finanziarie per Impact Hub Milano, lo spazio di coworking e incubatore certificato che ha dato vita al progetto di primo villaggio dell’innovazione sociale in Italia dedicato alla creazione di una community e al supporto di startup innovative sociali.

Aumento di capitale per Impact Hub Milano di Via Aosta, il coworking pensato per supportare le startup e giovani imprese italiane. In particolare, le nuove competenze avranno tra gli obiettivi principali quello dello sviluppo del progetto di costituzione di un nuovo fondo di impact investing da circa 40-50 milioni di euro che consentirà di acquisire partecipazioni in startup non attualmente in portafoglio che abbiano un business e un management team interessante, sempre nell’ambito dell’innovazione sociale.

>>> TUTTE LE NEWS DAL MONDO DELL’INNOVAZIONE <<<

Dopo l’ingresso di Montserrat Fernandez Blanco (Content Manager), Claudia Fasolo (Incubation Manager) e Michaela Cozza (Events Manager) tra gli investitori, dopo l’aumento di capitale Impact Hub Milano ha visto aggiungersi anche Chiara Bisconti, Enrico Cattaneo, Carlo Mazzola, Paola Perini, Paolo Gonano, Embed Capital e Rancilio Cube. Il nuovo CdA sarà invece formato da Marco Nannini, Luca Rancilio, Chiara Bisconti, Paolo Gonano e Sofia Maroudia. “Siamo molto soddisfatti dell’ingresso di queste nuove forze, che rappresenta nello stesso tempo un punto di arrivo e di nuova partenza. Se infatti da una parte consolidiamo la possibilità di dar corso a una serie di progetti concreti dopo il cambio di sede, dall’altro siamo solo all’inizio di un percorso di ulteriore sviluppo con destinazione Impact Investing” ha affermato in merito Marco Nannini, Presidente e CEO di Impact Hub Milano.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro