di Antonio Paviglianiti in , ,

Inchiesta vendita Milan, la Procura: “Nessuna indagine”, Ghedini (avvocato Berlusconi): “Soliti giochetti” [FOTO]


 

Inchiesta vendita Milan news, Silvio Berlusconi indagato? La Procura smentisce, Ghedini attacca: “Soliti giochetti politici da oltre vent’anni…”

Nella giornata di ieri La Stampa ha gettato ombre sulla vendita del Milan evidenziando come la Procura starebbe lavorando per un’inchiesta. Il quotidiano torinese ha titolato in prima pagina: “Bufera Milan, inchiesta sulla vendita”; il giornale ha dato notizia di un’inchiesta che ipotizzerebbe una cessione della società a prezzo gonfiato e il successivo rientro di una “cifra sostanziosa”. “Nuova tegola giudiziaria sulla campagna di Berlusconi”, aggiunge il quotidiano. La società rossonera è passata ad aprile 2017 dalle mani del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi all’imprenditore cinese Yonghong Li. Nella giornata di oggi, però, è arrivata la smentita della Procura e l’attacco da parte di Ghedini, avvocato di Silvio Berlusconi.

Leggi anche: Elezioni Politiche 2018, tutte le news

Inchiesta vendita Milan, la Procura “Nessuna indagine”

Il Procuratore della Repubblica di Milano Francesco Greco, davanti a pochi cronisti, sull’operazione con cui ad aprile il club rossonero è passato da Silvio Berlusconi all’imprenditore cinese Yonghong Li, ha dichiarato che “allo stato non esistono procedimenti penali”, aggiungendo che il procuratore aggiunto Fabio De Pasquale non ha aperto alcun fascicolo né “a modello 45”, senza titolo di reato e a carico di ignoti, né “a modello 44”, sempre a carico di ignoti ma con un titolo di reato.

Inchiesta vendita Milan, Ghedini avvocato Berlusconi: “Soliti giochetti politici”

Secondo Niccolò Ghedini, legale di Berlusconi: “Il giornalismo d’inchiesta è uno straordinario valore da tutelare e incentivare perché è uno dei cardini di un sistema democratico. Quando però si utilizzano false notizie non già per informare ma per aggredire e danneggiare una parte politica durante una campagna elettorale, non si tratta più di giornalismo ma di fatti penalmente, civilmente e ancor prima deontologicamente rilevanti”. L’avvocato ha poi aggiunto che “ancora una volta” quotidiani “con una precisa connotazione politica e imprenditoriale” hanno aggredito “il presidente Berlusconi con una notizia totalmente inventata”. Sulla stessa linea Marina Berlusconi: “Il tempo sembra passare invano per certi metodi di intendere lo scontro politico e per chi di questi metodi da vent’anni è ostinato protagonista.

Inchiesta vendita Milan, La Stampa conferma la propria versione

La Stampa ha però replicato confermando quanto scritto e ribadendo “di aver svolto opportuni controlli circa l’esistenza di un’indagine sull’operazione, di cui è venuta a conoscenza da due fonti distinte”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook