in

Industria 4.0 Italia: GIOIN di Digital Magics riparte da Padova parlando della quarta rivoluzione industriale

Sarà il tema dell’Industria 4.0 in Italia (ma non solo) quello che aprirà il nuovo ciclo d’incontri di GIOIN di Digital Magics: il Gasperini Italian Open Innovation Network riparte infatti il 16 marzo da Padova affrontando il tema “Industria 4.0: opportunità per le imprese, nuove misure, ricerca e Open Innovation”. Ecco i dettagli.

==> INDUSTRIA 4.0: ITALIA PRONTA ALLA QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE?

Partirà giovedì 16 marzo da Padova – presso l’Auditorium Vodafone di Piazza Bardella 11 – il nuovo ciclo d’incontri di GIOIN di Digital Magics, il Gasperini Italian Open Innovation Network: per chi ancora non lo conoscesse, si tratta del primo network dedicato all’innovazione e rivolto alle aziende italiane. Tema centrale di questa nuova edizione – dopo il successo avuto nel 2016 – sarà l’Industria 4.0 e tutti i provvedimenti presi dal MISE Ministero dello Sviluppo Economico che ruotano intorno al tema dell’innovazione, della quarta rivoluzione industriale e dell’Open Innovation: come si legge nel comunicato ufficiale condiviso da GIOIN, “il Piano Industria 4.0 rappresenta un’opportunità incredibile che le aziende del Made in Italy devono cogliere per accelerare i processi che porteranno alla produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa migliorandone le performance e la produttività.”.

Il tema dell’Industria 4.0 in Italia sarà centrale per il primo incontro di GIOIN, il Gasperini Italian Open Innovation Network, che si terrà a Padova il 16 marzo 2017 ma non solo: il programma, infatti, anche altri appuntamenti tra i quali quello del 6 aprile di Napoli a tema AgriTech e Digital Manufacturing o a Saint Vincent il 30 giugno durante OPEN INNOVATION SUMMIT 2017 – Special Edition. Per info, www.gioin.it.

X Factor 2017 finalisti

X Factor 2017 audizioni: oggi al via per la nuova edizione, ecco come partecipare

Uomini e Donne Gemma Galgani

Uomini e Donne Over Gemma dice a Marco: “strappami i vestiti di dosso”