di Alessandro Cirinei

Iniziano i saldi invernali 2013 ma le prospettive sono pessime…


 

Questo Natale non è certo stato all’insegna del consumismo e la crisi si è sentita eccome! Solo la spesa per il cibo è aumentata di un buon 4% ma tutti gli acquisti hanno fatto registrare un segno impietosamente negativo, persino in categorie merceologiche come “tecnologia” o “videogiochi”.

In Lombardia le promozioni dei saldi sono già iniziate ma le svendite inizieranno quasi ovunque il 5 Gennaio, eccetto in Basilicata dove si partirà con 3 giorni di anticipo. Purtroppo però per i commercianti, che confidano in questa operazione, le notizie sono pessime. Per il Codacons solo il 40% delle famiglie Italiane potrà permettersi di comprare qualcosa durante i saldi ed il budget medio sarà solo di 224 euro per famiglia.
Nell’ultimo quadriennio questo budget si è ridotto di quasi la metà e se le vendite pre-natalizie quest’anno sono calate di un buon 18% complessivo, sui saldi ci si aspetta un trend in ribasso di un’ulteriore 15% con ripercussioni negative su tutto il settore della grande distribuzione e anche sul lavoro, visto che com’è noto, il periodo di saldi è anche un periodo di assunzioni.

Per il presidente del Codacons Carlo Rienzi il fatto di dare il via ai saldi subito dopo Capodanno non è una buona idea visto che le famiglie Italiane non se la passano affatto bene. Secondo Rienzi sarebbe più saggio distribuire i giorni di svendita in modo più omogeneo durante l’anno introducendo giornate promozionali come avviene in molti paesi europei.
La speranza è che questa crisi non faccia aumentare la voglia di fare i furbi e per questo ricordiamo che il prezzo originale e quello scontato, nonchè la percentuale di sconto, deve essere ben indicata in prossimità dell’articolo. Se poi l’articolo non è conforme alla sua descrizione, il commerciante deve comunque sostituirlo. Infine, da ricordare che se un negoziante accetta pagamenti in assegni o bancomat/carta di credito durante il periodo fuori dai saldi, deve accettarli anche durante le promozioni.

Per concludere, dubitiamo che quest’anno ci saranno file di persone pronte a scattare di fronte ai negozi di buon mattino all’apertura dei saldi. Probabilmente l’attenzione verterà sui regali che il Codacons ha stimato essere i più graditi come smartphone e tablet, cibo o buoni per fare viaggi, cene in ristoranti di qualità o passare un weekend in una SPA o in un centro estetico. Molti di questo oggetti sono peraltro reperibili sul web anche attraverso i famosi Coupon proposti su Internet in quantità.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro