di Antonio Paviglianiti in

Italia fuori dai Mondiali Russia 2018: il danno è economico, ecco quanto perde la FIGC


 

Italia fuori dai Mondiali Russia 2018 è una gravissima perdita economica, non solo di immagine: un tracollo che rischia di costare suon di milioni ai vertici federali

Italia fuori dai Mondiali Russia 2018 perdita economica

Italia fuori dai Mondiali Russia 2018, il danno per il movimento calcistico italiano non è solo di immagine e di orgoglio patriottico, bensì anche economico. Come analizzato da Il Sole 24 Ore, quotidiano esperto di Finanza, questo tracollo del movimento calcistico italiano – con conseguente non qualificazione degli azzurri ai Mondiali Russia 2018 – costerà carissimo alla FIGC. Ecco il danno economico come viene quantificato.

>>> TUTTE LE NEWS CON URBANPOST <<<

Italia fuori dai Mondiali Russia 2018: gli effetti sulle sponsorizzazioni

Come riporta Il Sole 24 Ore, la mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali Russia 2018 avrà un effetto drammatico sulle sponsorizzazioni. “[…] La mancata qualificazione a Russia 2018 a questo punto avrà un inevitabile effetto depressivo sui contratti da stipulare con gli sponsor (oggi ce ne sono 21) per il quadriennio che porta a Qatar 2022. Altre conseguenze negative scaturiranno, infine, dai contratti Tv. Gli Azzurri garantiscono una media di 12 milioni di spettatori e oltre per le gare di cartello (come i playoff) e comunque uno zoccolo duro di circa 8 milioni. Nei Mondiali 2014 l’audience media è salita addirittura a 17,7 milioni di telespettatori. L’audience cumulata a livello mondiale per la Nazionale nel corso dei Mondiali 2014 ha superato gli 1,2 miliardi di telespettatori, con una visibilità televisiva di quasi 42 ore per gli sponsor Figc.”

Italia fuori dai Mondiali Russia 2018: svalutazione del brand, è un dramma

Italia fuori dai Mondiali Russia 2018, la svalutazione del brand è un dramma per il movimento calcistico italiano. Come scrive Il Sole 24 Ore: “La svalutazione del brand Italia, con effetti pesanti sul piano degli incassi da sponsor e tv che valgono attualmente circa 70 milioni. Nel dettaglio, gli introiti commerciali della Figc ammontano a 43 milioni su un fatturato totale di 174 milioni.” E ancora, come si spiega nel dettaglio per quanto concerne le sponsorizzazioni: “La Federazione ha siglato nel 2014 un contratto quadriennale con Infront (e il Gruppo 24 Ore nel frattempo uscito dall’accordo) per il ruolo di advisor. Il contratto prevede un minimo garantito di 57 milioni per l’intero periodo, dunque di 14,25 milioni annui assicurati a prescindere dai risultati. A questo si aggiungono i 18,7 milioni annui fissi dell’intesa con lo sponsor tecnico Puma siglata fino al 2022. Puma, oltre al corrispettivo fisso, riconosce delle royalties legate alla partecipazione della Nazionale a eventi speciali come accaduto per l’Europeo in Francia del 2016, quando sono stati venduti oltre un milione di capi d’abbigliamento con il marchio degli Azzurri.”

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Leggi anche

Commenta via Facebook