in ,

Italiano ucciso e fatto a pezzi in Thailandia news: confessione horror amante ex moglie

Italiano ucciso in Thailandia ultime notizie Ansa: il 34enne francese, Amaury Rigaux, arrestato domenica scorsa con l’accusa di avere ucciso il 62enne Giuseppe De Stefani, avrebbe confessato l’efferato delitto.

L’amante dell’ex compagna di Giuseppe De Stefani, ricercata dal 19 gennaio, giorno del delitto, e arrestata poche ore dopo il su attuale amante, avrebbe ammesso le sue responsabilità e confessato di aver ucciso l’italiano originario di Sondrio, il 19 gennaio scorso, tagliandoli la gola con la collaborazione della sua complice Rujira Iamlamai. Lo ha riferito la polizia thailandese ai media locali, citati poco fa dall’Ansa.

Rigaux  subito dopo l’arresto si era professato innocente ed estraneo ai fatti, ma poi in queste ore, messo sotto pressione dagli inquirenti ha ricostruito la dinamica dei fatto. L’agenzia riferisce pertanto che “la polizia esclude ora il coinvolgimento di terze persone nel delitto che si crede sia stato originato da motivi passionali attorno alla donna contesa e dispute di denaro”. Il movente dell’efferato delitto, secondo quanto sta emergendo in queste ore, sarebbe dunque di natura economica. Indagini ancora in corso, giacché ancora non è stato chiarito il ruolo avuto dalla ex moglie della vittima in tutta la fase omicidiaria e della distruzione del cadavere.

La coppia era stata da subito sospettata di avere commesso il crimine, giacché il passaporto della vittima era stato ritrovato infatti a casa dell’ex moglie. Il 34enne francese, che in passato era stato inserito nella lista nera dell’immigrazione thailandese, è stato braccato dalla polizia domenica mattina in una zona di campagna nella provincia di Kamphaeng Phet, vicina a quella di Phichit, dove si è consumato il delitto, il cui movente sarebbe legato a questioni passionali e di denaro. La vittima era stata sgozzata, il cadavere fatto a pezzi e dato alle fiamme.

Ema a Milano? L’Italia ci crede: pronto il ricorso

Facebook compromette la nostra autostima, ci rende piu stressati e depressi, lo conferma uno studio

Facebook compromette la nostra autostima, ci rende depressi e stressati, lo conferma la Scienza