di Fabrizio Pucci

L’Inter Salva il Campionato, ma la Vera Sfida è in Europa


 

La caduta degli Dei. L’Inter ha profanato lo Juventus Stadium e ha salvato il campionato, altrimenti avviato verso un noioso e prolungato dominio dei bianconeri.

La Vecchia Signora ha inciampato dopo 48 giornate immacolate, ma lo scivolone, dopo i recenti cigolìi mascherati da alcune sviste arbitrali, era nell’aria. Il torneo, quindi, trova dopo due mesi un’altra candidata al titolo: la squadra di Stramaccioni che affianca, e forse supera, il Napoli nel ballo delle pretendenti al tricolore.

Campionato avvincente e fiato sospeso fino a maggio, quindi. Eppure, da sportivi senza bandiera e al di sopra delle parti, non c’è da essere felice. Il motivo? Semplice. Le ripetute bocciature delle nostre squadra su scala continentale. Solo il Milan in Champions League viaggia su standard di rendimento accettabili.

La Juve, che qui fa la voce grossa, ha inanellato una impressionante serie di pareggi, mentre al piano di sotto l’Udinese, non garantisce continuità di rendimento, visto che all’impresa di Anfield ha fatto seguito la sconfitta in svizzera con gli Young Boys. La Lazio non incanta e il Napoli del turnover infrasettimanale imbarazzata.

Sembra di essere tornati indietro agli Anni Settanta, quando le italiane soffrivano da morire una volta varcati i confini nazionali. La questione fu risolta nel 1980 con l’avvento degli stranieri che portarono un valore aggiunto alle nostra squadra. Adesso la chiusura delle frontiere sarebbe illegale (la Legge Bosman ha cambiato la storia del calcio) e anche anacronistica. Eppure sarebbe il caso di trovare un’alternativa. Probabilmente, visto che i risultati non arrivano, sarebbe opportuno concedere la ribalta europea a talenti italiani appena usciti dai settori giovanili. E’ una provocazione, certo. Ma poi non lamentiamoci se la Nazionale difetta di personalità. Adesso i giovani fanno esperienza in serie B: un ottimo campionato, ma lontano dalle competizioni continentali. E allora tempriamo il loro carattere e le loro qualità sui campi del Vecchio Continente.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALI