in

“La casa nella prateria, un telefilm cult degli anni 80”. Raccontava la storia della famiglia Ingalls, e in quell’epoca appassionò milioni di telespettatori. Dopo quasi 40 anni, che fine hanno fatto i personaggi di quella storia? Oggi li ritroviamo così

Era il 1974 quando per la prima volta andò in onda sulla Nbc. La casa nella prateria, titolo originale Little House on the Prairie, che con i suoi 203 episodi fece sognare il pubblico. Una fattoria e la famiglia Ingalls, le loro storie e milioni di telespettatori. La serie narra le difficoltose vicissitudini di una tradizionale famiglia americana che vive in una sperduta fattoria, vicino a un paesino del Minnesota, nel periodo 1870-1890. (Continua a leggere dopo la foto)

Divisa in 9 stagioni, a cui si aggiungono un film pilota, un film speciale con spezzoni della serie e nuove scene, e tre film finali, i vari episodi toccano molti temi importanti e sempre attuali quali, ad esempio, l’adozione, l’alcolismo, il razzismo, la droga e cecità. Ma a quarant’anni dal debutto che fino hanno fatto i protagonisti e come sono cambiati negli anni? (Continua a leggere dopo la foto)

Michael Landon (Charles Ingalls). La sua lunga carriera, iniziata nel lontano 1956, lo vide, oltre che attore, anche regista, produttore e sceneggiatore. È tuttora l’unico americano ad aver realizzato tre show di grande successo televisivo consecutivi: “Bonanza”(1959/1973), “La casa nella prateria” (1974/1982) e “Autostrada per il paradiso” (1983/1989). Nel 1991 apparve in TV al Johnny Carson Show, dove dichiarò d’esser malato di cancro al pancreas. Sorridente e apparentemente sereno, apparve sulla copertina di Life del giugno 1991, dove rilasciò l’ultima intervista. Il 1º luglio 1991 morì presso la sua villa a Malibù, in California, all’età di 54 anni.

Alison Arngrim (Nellie Oleson). La viziata mocciosa coi boccoli ha avuto una carriera discontinua, con varie partecipazioni in serie televisive. Oggi è produttrice tv e scrittrice: ha fatto scalpore una sua autobiografia, “Confessioni di una st****a nella prateria” in cui, oltre alle vicissitudini della sua vita da giovanissima star, ha raccontato l’abuso subito dal fratello maggiore. Ha 50 anni ed è sposata dal ’93 con il musicista Robert Paul Schoonover.

Melissa Gilbert (Laura Ingalls). La cocciuta ragazzina dalle lunghe è stata l’attrice più giovane di sempre ad avere una stella sulla Walk of Fame. Attrice e produttrice cinematografica, ha partecipato a “Dancing with the stars”, (il nostro “Ballando con le stelle”). Oggi è Presidente dell’Associazione Americana Attori. Ha 51 anni e tre matrimoni alle spalle. Tra le love story del passato, quella con due bellissimi del cinema: Tom Cruise e Rob Lowe.

Matthew Laborteaux (Albert). Il figlio adottivo della famiglia Ingalls ha poi continuato a recitare con successo in varie serie tv come Lou Grant, Boomer cane intelligente, Love Boat, Simon & Simon, Autostop per il cielo, Giudice di notte, Paradise e Due poliziotti a Palm Beach e recentemente ha lavorato come doppiatore per alcuni videogiochi e cartoni animati. Ha fondato con il fratello un’associaziono per aiutare ragazzi in difficoltà. Nella vita reale anche Matthew era stato adottato dai suoi genitori.

Karen Grassle (Caroline Ingalls). L’attrice oggi è una madre single con tre divorzi alle spalle. E’ tornata al suo primo amore, il teatro ed è cofondatrice della Compagnia di Teatro di Sante Fe. Vive in California, con la figlia.

Melissa Sue Anderson (Mary Ingalls). Dopo la conclusione della serie ha continuato a recitare quasi esclusivamente per la tv. Nel 2010 ha scritto un’autobiografia basata principalmente sul periodo de “La casa nella prateria”, The Way I See It – A Look Back at. My Life on Little House. Vive con il marito Michael Sloan, padre dei suoi due figli. Il geniale MacGyver è suo fratello.

Katherine McGregor (Harriet Oleson). L’insopportabile mamma della capricciosa Nellie, oggi, si fa chiamare “Scottie” dopo due matrimoni naufragati e si dedica alla scrittura. Produce inoltre spettacoli per il Childrens Theater Group di Hollywood.

Dabbs Greer (Reverendo Robert Alden). L’attore americano Dabbs Greer, volto popolarissimo della tv, è morto nel 2007 all’età di 90 anni. Nell’arco di una carriera durata oltre 60 anni, Greer ha recitato in tutte le serie tv di maggior successo degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, spaziando da Furia a Laramie, da Ai confini della realtà a Perry Mason e Ironside, passando per Mannix, Bonanza e Le strade di San Francisco.

Valentina Vignali malattia: “L’ho scoperto per caso, mi è caduto il mondo addosso”

Offerte di lavoro alla corte della Regina Elisabetta: aperte le candidature!