in

La ferrovia Napoli-Bari si farà entro il 2014: sbloccati i fondi

Il Cipe ha dato il suo via libera al progetto preliminare delle due tratte che interesseranno la nuova tratta ferroviaria che collegherà Napoli a Bari, strategica per il collegamento del sud-est con il Nord Italia e l’Europa. L’autorizzazione a procedere riprende l ‘accordo stipulato dalle Ferrovie dello Stato, la Rete Ferrovia Italiana ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Accordo denominato Cis (Contratto Istituzionale di Sviluppo) e sottoscritto lo scorso agosto. Le due tratte inizialmente interessate sono la Napoli-Cancello (CE) e la Cancello-Frasso Telesino.

L’opera verrà realizzata grazie alla collaborazione/partenariato privati-pubblici consentendo, in questo modo, di defiscalizzarla. In pratica sarà una società di natura mista a gestirne ed organizzarne la realizzazione.

Lo stesso organo che ha dato l’ok all’inizializzazione del preliminare, in base ai contenuti ed alle direttive previste dall’art.18 della legge 183/2011, ha imposto che la copertura finanziaria debba essere trovata al massimo in un anno.

Il tutto prevederà benifici fiscali , vista la natura strategica dell’intervento per chi lo realizzerà.

 

 

 

 

Written by Luigi Storti

Laureato in Economia Aziendale con Master in Corporate Finance presso la Business School de "Il Sole 24 Ore", ricopre il ruolo di Group Treasurer in una S.p.a. in Milano. Appassionato ed esperto di Finanza Aziendale, Strutturata,Mercati Azionari, Bilancio e Politiche Economico-Finanziarie.

Hard Candy Fitness a Roma, la nuova palestra di Madonna

Giovanni Malagò è il nuovo presidente del Coni