di Andrea Monaci in

La fiducia al Rosatellum bis: M5S, Forconi e Pappalardo a Montecitorio contro la nuova legge elettorale


 

Movimento 5 Stelle, Forconi, No Vax e i sostenitori del generale in pensione Pappalardo: una piazza composita a Montecitorio, dove un migliaio di persone ha manifestato contro il “Rosatellum bis”, la nuova legge elettorale

rosatellum bis proteste montecitorio

Oltre mille persone hanno manifestato oggi in piazza Montecitorio contro il “Rosatellum bis”. Mentre la Camera sta votando la fiducia, i contrari alla nuova legge elettorale si mobilitano. Sono soprattutto militanti del Movimento 5 Stelle, ma anche di Forconi e No Vax, a manifestare a Roma in piazza Montecitorio. “Chi non salta un piddino è”, è il coro che si alza dal lato destro della piazza, ma si ascoltano anche un “A-bu-si-vi, a-bu-si-vi” e un “Fuori la mafia dallo Stato”. In piazza anche i militanti del movimento guidato dal generale dei carabinieri in pensione, Antonio Pappalardo.

Leggi anche: Come funziona il Rosatellum bis

Un bel mix di oppositori insomma, che litiga pure per il proscenio sulla piazza. Una piazza chiamata ieri da Beppe Grillo e oggi (mezza) piena, con poco più di un migliaio di presenti, certo non i cinquantamila invocati ieri da Alessandro Di Battista. Scrive Repubblica.it:

“Piazza eterogenea e rumorosa addobbata quasi esclusivamente con bandiere del M5S (tranne un punto rosso, in lontananza: è un drappo di Rifondazione comunista) quella che per ore contesta i deputati che, dentro la Camera, votano la fiducia alla legge elettorale.”

Leggi anche: La fiducia sulla nuova legge elettorale, esplode la contestazione

I manifestanti M5S però riescono nel pomeriggio a confinare in un angolo i seguaci di Pappalardo, occupando gran parte della piazza. Questo mentre il generale si sgolava al megafono arringando i suoi: tra le amenità ascoltate anche un  “Ho appena saputo che un gruppo di cittadini in questo momento ha arrestato Ettore Rosato e ha consegnato il verbale alle forze di polizia”. Poi sotto ad un video pubblicato sul profilo Facebook di Pappalardo, compaiono commenti che invitano al golpe: “Entrate in forza nel palazzo e arrestateli, facciamo la storia ora!” scrive un cittadino invitando a fare fronte con l’M5S.

Ma la piazza è soprattutto un tripudio pentastellato. Moltissimi sono venuti da fuori Roma per manifestare il dissenso contro la nuova legge elettorale. “Ho preso un aereo stamattina per essere qui. Il Rosatellum ci porta verso un sistema di dittatura, simile al fascismo”, dice una militante grillina. Per domani il Movimento 5 Stelle ha convocato una veglia per la democrazia davanti a Montecitorio.

“Con il vomitevole Rosatellum non si potrà più scegliere chi votare con la propria preferenza, si potrà assegnare solo il seggio a coloro i quali sono piazzati in lista dai capi di partito. Questa è una legge voluta non dai partiti, ma da quattro persone che pensano solo alla propria polverosa poltrona, si chiamano Matteo Renzi, Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Angelino Alfano”, aveva scritto ieri Beppe Grillo sul blog annunciando la mobilitazione di piazza.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook