in

La musica diventa magia con Shazam

Per chi ancora non conoscesse questa applicazione, disponibile sia per smartphone con Android e sia per iOS, vale davvero la pena scaricarla.
Capita spesso di sentire una canzone ma non ricordare chi diavolo la cantava o qual’era il titolo. Si ha sulla punta della lingua ma la memoria può ingannare e cosi si fa una brutta figura affermando che “Tainted Love” era cantata dai Depeche Mode e non dai meno noti Soft Cell e robe simili.
Ebbene Shazam permette di riconoscere un brano musicale semplicemente facendoglielo ascoltare. Basta mettere il proprio device vicino alla fonte della musica e in poco tempo, grazie ad un potente algoritmo, Shazam è in grado di identificare il brano ed il suo autore. Shazam permette di taggare i brani e condividerli con gli amici, delle sorte di playlist interattive molto interessanti.
Utile per ricordarsi brani vecchi o identificare canzoni appena uscite, Shazam è un ottimo sistema di pre-vendita per i brani stessi direttamente da mobile.

shazam iphone

Shazam raramente sbaglia e sembra quasi un’applicazione magica, tant’è che il suo grado di apprezzamento è alle stelle (oltre 4 sia su Google Play che su iTunes ma in netta crescita dopo il lancio dell’ultima versione del 18 Gennaio) e la sua diffusione in grande ascesa.
Come si chiamava quel tizio biondo che cantava quella canzone anni ’80? Shazam!…..Ah si, era Howard Jones e la canzone era What is Love!

Start Upper ed esperto di imprese tecnologiche, 42 anni, laurea e master ottenuto in Gran Bretagna. Vive a Livorno ma viaggia spesso tra Milano e Torino.

Eh, lui ha in testa un’idea meravigliosa

Cosa può significare l’entrata di Matteo Arpe in Banzai?