in

La verità sul terremoto a L’Aquila, nuove intercettazioni Bertolaso-Letta: “28 anni per ricostruire”

Il 6 aprile 2009 L’Aquila veniva devastata dal terremoto e appena due giorni dopo l’allora premier Silvio Berlusconi prometteva una ricostruzione rapida, che non è avvenuta. Ieri sono spuntate tre nuove intercettazioni al riguardo tra Guido Bertolaso, a quel tempo Capo della Protezione Civile, e Gianni Letta, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Nella prima telefonata intercettata tra i due, che risale all’8 aprile 2009, il Capo della Protezione Civile avverte Letta che le promesse di Berlusconi di ricostruire il centro storico entro 28 mesi sono menzogne.

Berlusconi e bertolaso

Bertolaso, così come tutti i politici di allora, sapevano bene l’entità del danno e lo stesso Capo della Protezione Civile definiva il terremoto anomalo e il centro storico impossibile da ristrutturare. “Altro che 28 mesi, non riusciremo a rimettere la gente nel centro storico prima di 28 anni”: queste le parole di Bertolaso a Letta. Eppure Silvio Berlusconi continuava a parlare di una ricostruzione veloce,che non avrebbe mai superato i cinque anni, cercando di collezionare applausi.

Infatti nella seconda telefonata Letta si dice soddisfatto del successo del premier a L’Aquila, dato che durante la visita ai paesi terremotati tutti sembravano entusiasti di lui. Le promesse vane dell’ex Presidente del Consiglio vengono sottolineate ancora una volta da Maroni, che riguardo all’incarico che gli da Silvio Berlusconi in diretta a” Porta a Porta” di inviare a l’Aquila 1200 nuovi vigili del fuoco, definisce il premier “ganassa”. Bertolaso, a telefono con lui, sembra d ‘accordo e ride, anzi, alla notizia di Maroni che il giorno dopo Berlusconi  sarebbe andato da lui a L’Aquila, risponde “non potevi darmi notizia peggiore”.

Dunque, le autorità avevano ben chiara l’entità del disastro ma, invece di provvedere concretamente e parlare in modo sincero alla popolazione, hanno preferito usare il terremoto come occasione di propaganda. Forse era ed è questo l’unico interesse dei politici: collezionare applausi e voti.

Written by Mattia Preziuso

Nato ad Avellino, 21 anni, appassionato di sport, prevalentemente calcio. Studente di Farmacia presso l'Università degli Studi di Fisciano e già collaboratore di altri siti. Segue con particolare attenzione notizie utili e sport.

Del Piero Juventus

Alessandro Del Piero e Patrick Dempsey fondano un team automobilistico

Nicola Cosentino

Rinviata alle 15 la conferenza stampa di Cosentino