di Sabina Schiavon in ,

Lavorare a Londra dopo Brexit: tutto quello che bisogna sapere


 

Lavorare a Londra dopo Brexit è ancora possibile? Ecco tutto quello che c’è da sapere

lavorare a londra dopo brexit

Lavorare a Londra dopo Brexit è ancora possibile? Cosa è cambiato – dopo la scelta della Gran Bretagna di uscire dall’Europa – per gli italiani che lavorano nella City o per quelli che vorrebbero cercare lavoro lì? Ecco tutto quello che c’è da sapere…

Se Londra è sempre stata considerata un “paradiso” per i giovani italiani (ed europei) che volevano cercare lavoro lontano dal loro Paese natale, Brexit apporterà cambiamenti sostanziali nella vita dei lavoratori stranieri. Sebbene per ora non vi siano state importanti modifiche ai rapporti di lavoro stipulati tra le aziende inglesi e i cittadini italiani, da qui a circa due anni i cambiamenti saranno inevitabili. Nonostante dal mondo della finanza arrivi la quasi totale certezza del fatto che non ci sarà alcun esodo di cervelli, trovare lavoro e trasferirsi a Londra sarà inevitabilmente più complicato. Gli esperti fanno notare come la City non possa di certo fare a meno di molti dei lavoratori stranieri attualmente presenti – dai camerieri sino ai manager – ma anche che, quando la Gran Bretagna sarà ufficialmente un Paese extra-europeo, non sarà più possibile soggiornarvi per un periodo superiore a quello del visto turistico se senza un’occupazione stabile.

>>TUTTE LE ULTIME OFFERTE DI LAVORO ALL’ESTERO<<

Cosa ne è invece dei grandi colossi tecnologici che investivano a Londra poiché considerata il cuore tecnologico d’Europa? Nonostante le prime previsioni, sembra che in questo senso le cose non siano cambiate per nulla. Dopo l’annuncio del reclutamento di 3mila persone da parte di Google, anche Facebook ha reso nota la sua decisione di aprire un nuovo quartiere generale a Fitzrovia per il quale saranno necessarie almeno 500 nuove assunzioni. Trovare lavoro a Londra, insomma, potrebbe diventare più difficile ma – stando almeno agli ultimi aggiornamenti – sembra che le aziende non smetteranno di ricercare personale all’interno della City.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook