in

Listini Azionari in Cina al Minimo dal 28 settembre: Borsa di Hong Kong in Rosso

Nella principale piazza azionaria asiatica, i dati sulle scorte hanno riferito che il mercato immobiliare frena, sollevando timori sull’attuale congresso del partito comunista cinese dove si valuteranno piccoli cambiamenti nelle politiche economiche. Diversi canali media cinesi hanno riferito che sugli alloggi della Cina, ha dichiarato il ministro ai giornalisti lunedi al 18° congresso del partito comunista, non ci si aspetta alcun allentamento o restrizioni di settore. Gli scambi alla borsa di Hong Kong nel corso della mattinata hanno toccato il livello più basso registrato in una settimana, con gli investitori che citando l’incertezza persistente sulla situazione fiscale degli Stati Uniti e sugli aiuti alla Grecia, invitano a mantenersi ai margini. L’indice Hang Seng intorno alle 12.00 orario asiatico perde lo 0,9% a 21,238.3 punti. L’indice China Enterprises segue la scia delle perdite all’1,7%. I ribassi registrati nella seduta di martedì in entrambe gli indici toccano i minimi da metà ottobre.

Borsa Shangai in Calo

Nel continente cinese, l’indice CSI300 di Shanghai affonda dell’1,6%, mentre l’indice Shanghai Composite è in ribasso dell 1,4%. Gli analisti hanno analizzato i dati sui cordoli abitativi “come forse un segno che non ci sarà alcun allentamento o variazioni nelle posizioni di Pechino sulle politiche economiche nel breve termine”, ha dichiarato Hong Hao, strategist azionario e capo di Bank of Communications International Securities. “Un sacco di soldi che sono entrati in mare aperto sulle azioni cinesi nelle ultime nove settimane si sono riversati sui titoli ciclici, scommettendo su una crescita più forte sui cambiamenti politici, ma credo che rimarremo delusi,” Hong ha aggiunto. Il China Enterprises Index o indice di H-share, ha registrato un 5,2% di rialzo dal 2 novembre, dopo esser salito del 14% nel mese di settembre e ottobre, che lo posiziona tra i più performanti indici in questi due mesi, a fronte della perdita del 3,9% sull’indice CSI300 e della discesa del 3,2% sull’indice Composite Shanghai dal 2 novembre.

Le azioni dei giganti petroliferi cinesi si sono messe sulla difensiva a causa dei prezzi del petrolio in calo. I media cinesi hanno anche riferito che Pechino potrebbe tagliare i prezzi del diesel e della benzina in terraferma per la quarta volta quest’anno. A Hong Kong, il Cina Petroleum and Chemical (Sinopec) Corp ha perso il 2,6%, mentre Petrochina è scesa dell’1,4%. Sul settore immobiliare la Cina teme le perdite. I dati ufficiali di ottobre sui prezzi delle case sono previsti per domenica, ma sulle aspettative, la statale China Securities Journal, citando i dati dell’Ufficio comunale di Statistica di Pechino, ha riferito che le vendite sulle proprietà a Pechino nei primi 10 mesi del 2012 sono aumentate del 30,4% rispetto a un anno fa, superando le vendite dell’intero del 2011.

photo credit: milla_ via photopin cc
photo credit: aprile24 via photopin cc

Written by mbarbie1970

42 anni, Contabile d'Azienda, convivente, un figlio, dal 1990 nel settore commercio; dal 1995 settore industriale; freelance publishing, gestore ed amministratore del sito notiziemercatimondiali.com.
Appassionato esperto di borse e mercati finanziari, azioni, opzioni e futures.

Vincenzo Maruccio Arrestato

Arrestato Il Consigliere Regionale del Lazio Maruccio (IDV)

Aziende Denunciano Facebook

Facebook, Arrivano le Prime Denunce delle Aziende