di Fabrizio Pucci

Livorno: Natale di paura, rapine in ville e supermarket


 

Come nei film polizieschi degli anni ’70: Livorno a mano armata. Nella settimana che precede il Natale, la città toscana ha scoperto la paura. L’incubo inizia lunedì quando una banda composta da quattro uomini, con accento dell’Est, incappucciati e armati di pistole in una villa nella frazione collinare di Montenero.

news italia

I malviventi sequestrano e malmenano la padrona di casa, sua figlia e un’amichetta della ragazzina. Il bottino è di seimila euro, due orologi di valore e il Suv di famiglia.

Poche ore dopo, ancora a Montenero, un altro episodio inquietante. All’interno di una villa, una donna sta allattando il figlio quando sente strani rumori proveniente dal giardino. Insospettita, chiama la Polizia che interviente tempestivamente. I rapinatori, tuttavia, ci riprovano, non appena le volanti si allontanano. E’ un attimo: con il piede di porco forzano la porta d’ingresso. Per fortuna gli agenti, rimasti in zona, accorrono e sventano la rapina anche se i ladri riescono a fuggire.

Violenza Sessuale Milano Giambellino

Il terzo episodio si verifica all’ora di pranzo, giovedì 2o dicembre al Supermercato Coop nella centralissima via Mastacchi. Un rapinatore solitario, casco integrale in testa e pistola puntata in faccia alle cassiere, si fa consegnare i 3000 euro d’incasso della mattina prima di fuggire a bordo di uno scooter.

Tre episodi in poche ore, l’escalation di criminalità che sembrava non aver interessato la città è arrivata anche a Livorno. E ora la gente ha paura.

 

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...