di M.B. Michela in ,

Lorenzo Pagani scomparso nel Bresciano: trovato morto all’interno della sua auto


 

Lorenzo Pagani scomparso nel Bresciano: trovato morto all’interno della sua auto. Il 42enne di Palazzolo era irrintracciabile dal primo pomeriggio del 31 gennaio, ieri sera il drammatico epilogo

scomparso a palazzolo brescia

Lorenzo Pagani scomparso nel Bresciano ultime notizie: l’uomo è stato ritrovato senza vita nella tarda serata di ieri, martedì 2 gennaio. Si concludono dunque nel peggiore dei modi le ricerche del 42enne di Palazzolo di cui si erano perse le tracce nel primo pomeriggio dell’ultimo giorno dell’anno. Lorenzo Pagani, stando a quanto riportato da diversi giornali locali, “è stato ritrovato cadavere sulla sua auto”. Dopo le 13 del 31 gennaio scorso l’uomo era uscito di casa al volante della sua auto, facendo perdere le tracce di sé. I familiari, preoccupati perché non riuscivano a mettersi in contato con lui, avevano subito dato l’allarme pensando al peggio. E non avevano torto.

Leggi anche: Brescia: Lorenzo Pagani scomparso a Palazzolo il 31 gennaio, ricerche in corso

Lorenzo Pagani è stato ritrovato cadavere all’interno della sua auto, una Fiat Punto color marrone metallizzato, parcheggiata nelle campagne di Mornico al Serio, nella Bergamasca, a 12 chilometri da Palazzolo, dove risiedeva. Secondo i primi accertamenti l’uomo sarebbe morto per intossicazione da farmaci. Un epilogo tragico che lascia ipotizzare si sia trattato di un suicidio. A trovare la macchina e scorgervi all’interno una persona senza vita sarebbe stato un passante, un contadino, che ha immediatamente chiesto l’intervento dei carabinieri.

Il luogo del ritrovamento:

Quando i sanitari del 118 sono giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo, avvenuto molto probabilmente già il giorno della sua scomparsa. Un grande dolore per i familiari di Lorenzo, che viveva con il fratello Giuseppe, il primo a denunciarne la scomparsa, e il padre Luigi nel quartiere di San Giuseppe. Pagani è deceduto molto probabilmente a causa di un gesto estremo mosso da presunte problematiche che lo affliggevano. Le ricerche erano partite già la sera del 31 dicembre, in quanto dalla prima ora i suoi familiari erano apparsi molto preoccupati per le sorti del loro congiunto.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook