di M.B. Michela in , ,

Loris Stival news Quarto Grado: Veronica Panarello scrive una lettera a Simone Toscano, ecco il contenuto


 

Loris Stival news Quarto Grado: Veronica Panarello scrive una lettera a Simone Toscano, ecco il contenuto della missiva

veronica panarello processo catania

Omicidio Loris Stival, novità stasera 30 giugno durante la diretta di Quarto Grado. Ospite in studio l’avvocato Francesco Villardita, difensore di Veronica Panarello, madre del bimbo ucciso e condannata in primo grado a 30 anni di carcere per il delitto del figlio.

Il processo d’appello inizierà il prossimo 6 luglio e la difesa della Panarello punterà a dimostrare un parziale vizio di mente della donna scaturito dai difficili rapporti con i familiari (in particolare con la madre). Lo scopo di Villardita è chiedere una nuova perizia psichiatrica che possa far ottenere uno sconto di pena alla sua assistita.

Loris Stival news processo d’appello: Veronica Panarello tornerà in aula il prossimo 6 luglio

“Secondo noi c’è un disturbo della personalità”, ha ribadito in studio Villardita, “e l’anamnesi, ovvero la storia clinica della Panarello, depone a favore della nostra convinzione”, che cozza contro la lucidità mentale riconosciutagli dal giudice nel momento della sentenza, che ha definito la donna “lucida assassina affetta da disarmonia della personalità”. La Panarello è stata autorizzata a recarsi in cimitero dal figlio “ma ancora non sappiamo la data”, potrà trattenersi sulla tomba di Loris per due ore.

In onda anche il contenuto di una lettera che Veronica Panarello ha scritto a Simone Toscano. Qui uno stralcio della missiva:

“Egregio signor Toscano le scrivo con la speranza che lei possa dar voce a queste mie parole scritte. Ciò che sto vivendo non lo auguro a nessuno. Mi sono ritrovata sola, ho potuto contare solo su mio padre e lo studio Villardita. Ho subito violenza psicologica per la diffusione dei video che mi ritraevano durante le perizie e sotto effetto di psicofarmaci e dove nemmeno io mi riconosco …”.

Veronica insiste nel ribadire di non aver commesso l’omicidio del figlio di 8 anni: “Voglio pagare solo per i miei errori ma non per il delitto, perché io non ho ucciso Loris. È da più di un anno che non conosco il viso di mio figlio (D., il secondo bambino rimastole ndr), perché nessuno mi fa avere nemmeno una sua foto”. Lo dice rivolgendosi al marito Davide Stival, Veronica: “Tanti anni di matrimonio non si possono cancellare così …”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook